ARERA proroga la fine del mercato tutelato a luglio

Il mercato tutelato sarebbe dovuto finire ad aprile

La fine del mercato tutelato è un argomento che ha generato polemiche sin dal suo annuncio, la paura dei cittadini è quella di finire in una giungla di prezzi fuori controllo legati a un mercato nell’energia che subisce una volatilità legata anche a quello che accade in aree calde del pianeta come il Medioriente.

Il mercato tutelato avrebbe dovuto chiudere battenti ad aprile ma l’Autorità pubblica per l’energia, ha annunciato che per la fine del mercato tutelato dell’energia elettrica “la data del primo di aprile è stata spostata al primo di luglio”.

- Advertisement -

Una decisione attesa da mesi che rinvia l’ingresso dei clienti domestici non vulnerabili all’interno del Servizio a Tutele Graduali (STG). A commentare la decisione di Arera è stato il presidente Besseghini.

La causa principale della proroga è stato lo spostamento delle gare di un mese, cioè a gennaio. Le gare serviranno per individuare i fornitori di elettricità che saranno assegnati in automatico agli utenti del mercato tutelato che non avranno scelto un operatore di mercato libero.

- Advertisement -

Secondo Besseghini i consumatori non dovrebbero preoccuparsi perché “le aste non sono un meccanismo per portarli forzatamente al mercato libero. Si tratta di un meccanismo per costruire un sistema di salvaguardia, che permetta alle persone che non scelgono di non scegliere, e di rimanere comunque servite, con delle tariffe che metteremo ad asta. L’esito dell’asta è per fare in maniera di avere le tariffe per questo servizio il più vantaggiose possibile“.