Avvio della Carta dei diritti di internet, ecco gli articoli!

internet

La carta dei diritti di internet rappresenta un clamoroso passo avanti verso il progresso e verso la sfera giuridica dei diritti. Fin ora sono stati stilati dalla Commissione della Camera dei deputati presieduta da Rodota’, il preambolo e i 14 articoli che promuoveranno e salvaguarderanno:

  1. Riconoscimento e garanzia dei diritti ovvero verranno garantiti i diritti fondamentali di ogni essere umano secondo i principi di dignità, liberta, eguaglianza e della diversità della persona
  2. Diritto di accesso ossia ogni persona ha eguale diritto di accedere ad internet in condizioni di parità.
  3. Neutralità della rete recita “ogni persona ha il diritto che i dati che trasmette e riceve da internet non subiscano discriminazioni, restrizioni o interferenze in relazione al mittente e ricevente”.
  4. Tutela dei dati personali ogni essere umano ha diritto alla protezione dei dati personali secondo i criteri di rispetto di identità e riservatezza.
  5. Diritto all’autodeterminazione informativa consta nel diritto di ogni persona di accedere ai propri dati per chiedere la rettifica, l’integrazione e la cancellazione.
  6. Inviolabilità dei sistemi e domicili informatici, tale articolo afferma che e’ vietato l’accesso ai dati della persona che si trovino su dispositivi personali.
  7. Trattamenti automatizzati cioè nessun atto, nessun provvedimento giudiziario o decisione destinata ad incidere nella sfera degli individui, possano essere fondati su un trattamento automatizzato.
  8. Diritto all’identità equivale al diritto che ha ogni persona nel rappresentare e nell’ aggiornare la propria identità in rete.
  9. Anonimato ovvero ogni individuo può comunicare elettronicamente in maniera anonima per esercitare le liberta civili e politiche senza incorrere in discriminazioni o censure.
  10. Diritto all’oblio sancisce il diritto che ha ogni persona di ottenere la cancellazione dagli indici dei motori di ricerca dei dati che non abbiano più importanza.
  11. Diritti e garanzie delle persone sulle piattaforme e’ quel diritto o meglio quel dovere che si dovrebbero fare carico i responsabili delle piattaforme digitali, ovvero quello di comportarsi con lealtà e correttezza nei confronti di utenti, fornitori e concorrenti.
  12. Sicurezza in rete deve essere garantita come interesse pubblico e come interesse per i singoli per tutelare gli individui da attacchi esterni.
  13. Diritto all’educazione rappresenta il diritto di acquisire le capacita necessarie per utilizzare internet in modo consapevole e attivo.
  14. Criteri per il governo della rete ossia ogni persona deve vedersi riconosciuti i propri diritti in rete sia nazionalmente e sia internazionalmente.

Dal giorno 27 ottobre 2014 si darà la possibilità ai cittadini di poter contribuire a redigere la carta attraverso commenti e suggerimenti, si tratta dunque di una bozza accessibile a tutti coloro che vogliono apportare un contributo.

Loading...

Tale Carta dopo l’avvio della Boldrini e di Rodota’ rappresenterà il corrispettivo della Carta Costituzionale e il fine della Commissione sarebbe quello di approvarla entro fine anno dopo una consultazione.

Gentilissimo lettori cosa ne pensate di questa Bill of rights di internet? Siete concordi? Parteciperete alla redazione?