Banche online: addio chiavetta Token, servirá il cellulare

L'addio alla chiavetta Token che sarà sostituita da codici ed app.

Banche online: addio chiavetta Token

Rivoluzione in vista per le banche online e per i pagamenti elettronici. La chiavetta Token da sempre utilizzata per l’home banking non sarà più necessaria. Basterà solo il cellulare. Cerchiamo di capire insieme di cosa si tratta.

Banche online addio Token, al suo posto app e codici

Come cambierà il sistema delle banche online? Sta per entrare in vigore la nuova Direttiva europea, ormai nota come Psd2 (Payment services directive 2) che disciplina i pagamenti digitali. Garantendo maggior sicurezza e trasparenza dei movimenti. Le operazioni bancarie online, effettuate tramite pc da casa o dal proprio cellulare subiranno delle novità. L’addio alla chiavetta Token che sarà sostituita da codici ed app. La Direttiva contiene anche le norme tecniche per la Strong Customer Authentication (Sca), la “autenticazione forte dei clienti” individuate dall’Autorità bancaria europea.

Cos’è la Sca per le banche online?

Si tratta di una procedura di sicurezza innovativa. Garantisce al cliente totale sicurezza. Infatti, con la PSD2, ogni persona potrà effettuare pagamenti o accedere alle proprie informazioni bancarie senza dover temere frodi o violazioni della privacy. L’accesso avverrà attraverso una combinazione di alcuni elementi. Occorrono 2 elementi di autenticazione a scelta fra 3 opzioni:

  • il proprio smartphone;
  • una caratteristica fisica che possiede solo il cliente. Ad esempio l’impronta digitale o un altro fattore biometrico;
  • un’informazione nota solo al cliente (come una password).

La combinazione di questi elementi permetterà pertanto di effettuare i pagamenti. L’obiettivo è proprio quello di garantire maggiore sicurezza dei trasferimenti monetari, garantendo un e-commerce più sicuro. Non basteranno più, perciò, solo i codici delle carte di credito, che ancora comunque pare restino in uso.

Perchè i token vanno in pensione?

Tutti abbiamo usato i token per i pagamenti. Ma uno dei maggiori limiti è da legarlo al gran numero di smarrimento di questo piccolo supporto elettronico. Una odissea per i correntisti. Come che non bastasse, occorre anche adegursi a tutti gli altri Paesi Europei che gestiscono il sistema banche online in maniera più semplice. I token delle nostre banche  non sono in grado di supportare il doppio sistema di codici di sicurezza imposto dall’Europa. Pertanto andranno in pensione. A disporre il ritiro delle chiavette sono state le stesse banche. Le quali dovranno provvedere non solo al ritiro, ma anche allo smaltimento delle chiavette. Essendo appunto elettroniche, sovranno essere trattate come rifiuti speciali.

Notizie positive anche per i consumatori

La nuova direttiva porta con se anche dei vantaggi per i consumatori. Le banche online, infatti saranno meno care da gestire. Le commissioni interbancarie non potranno essere superiori allo 0.2% del valore dell’operazione di pagamento con carta di debito. Per quanto riguarda i pagamenti con carta di credito le commissioni saranno limitate allo 0.3%.

L’adeguamento non sarà facile, ma già nei mesi scorsi gli istituti bancari hanno provveduto via via al ritiro. Occorre adesso capire come generare le password in modo sicuro.