Bobbi Kristina Brown, morta dopo 6 mesi di coma la figlia di Whitney Houston

Bobbi1

Bobbi Kristina Brown, la figlia 22enne della star (foto insieme) e dell’ex marito e collega Bobby Brown, era stata ritrovata esanime nella vasca da bagno il 31 gennaio scorso dal compagno Mick Gordon – allevato però come un figlio da Whitney Houston, che non l’ha mai adottato legalmente – nella loro villa Roswell, in Georgia. Dopo qualche speranza nei mesi scorsi che la ragazza si risvegliasse, è arrivato l’annuncio del decesso.

Bobbi Kristina non si era mai ripresa del tutto dalla morte della madre (con la quale aveva un rapporto conflittuale), avvenuta l’11 febbraio 2012 con modalità simili alla sua: anche lei era stata rinvenuta all’interno di una vasca da bagno dopo un’overdose di droghe, in un hotel di Beverly Hills, prima di partecipare agli ambiti premi musicali Grammy Awards.

Loading...

Ma nel caso di Whitney si trattò quasi certamente di morte accidentale, mentre in quello di Bobbi si sospetta il suicidio, visti suoi drammatici post su Twitter nei giorni precedenti alla tragedia.

Infatti la ragazza si sarebbe sentita frustrata per aver tentato di seguire le orme dei genitori nel mondo dello spettacolo senza riuscirci: in particolare voleva realizzare dischi ed eventi in ricordo di Whitney. Inoltre sul corpo di Bobbi Kristina erano state trovate ferite sospette che portarono la polizia ad iscrivere nel registro degli indagati Nick Gordon ed un amico della coppia, uno spacciatore, che era presente quando Gordon trovò il corpo della compagna nella vasca da bagno. L’indagine è ancora in corso, fanno sapere le autorità.

Intanto la famiglia di Whitney Houston e quella di Bobby Brown sono pronte a darsi battaglia legale per l’eredità della cantante (circa 20 milioni di dollari), ora che l’unica beneficiaria, Bobbi Kristina, se n’è andata anche lei. La famiglia di Whitney accusa Brown (che inoltre picchiava la moglie durante il matrimonio) di averla avviata alla droga ed una zia della cantante, Pat Houston, nominata dalla defunta co-tutore legale di Bobbi Kristina, ha provveduto a “requisire” dalla villa della ragazza tutti gli oggetti di valore, inclusi i dischi di platino vinti dalla nipote, perché non cadano nelle mani della famiglia dell’ex marito di Whitney.

Non solo: le due famiglie starebbero anche litigando sull’organizzazione del grandioso funerale che avrà la povera Bobbi Kristina. Una dei tanti figli d’arte schiacciati dalla celebrità dei genitori, per di più drogati.

 

 

 

Dopo la maturità classica, mi sono laureata all'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano in Scienze dell'Educazione, con una tesi in Pedagogia Interculturale dal titolo "Donna e Islam: la questione del velo". Scrivo per diverse testate on-line come "Al-Maghrebiya", "Ebraismo e dintorni", il blog del "Legno Storto" su argomenti riguardanti il mondo arabo e islamico, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il Medio Oriente, Esteri, immigrazione e integrazione. Ho scritto due racconti: "Dopo la notte" (Il Filo, 2009) e "Soltanto una donna" (Albatros - Il Filo, 2011).