Bonus infissi escluso dal bonus 110%?

Bonus infissi: rientra o no nel bonus 110%?

Limite dei contanti a 2.000 euro dal 1 luglio: critiche al denaro elettronico
Photocredit: analogicus da Pixabay

In questi giorni sono stati sollevati alcuni dubbi in merito al Bonus infissi, la richiesta di ampliamento delle unità abitative con diritto all’ecobonus potenziato, potrebbe incidere negativamente sul bonus serramenti e infissi.

Da settimane gli operatori di settore stanno facendo pressione sull’esecutivo affinché includa nel Bonus 110% anche le seconde case. Pare che il Governo abbia accondisceso a quest’ultima richiesta, mentre per gli infissi l’oggetto del dubbio resta il punto 2.1 inserito nel comma 16 nell’ultimo emendamento al testo ufficiale del Decreto Rilancio. Sulla base di un’interpretazione restrittiva pare che il punto citato possa tagliare fuori il bonus infissi dal bonus 110%.

Rientra oppure no il bonus infissi nel bonus 110%?

Se l’attuale testo del Decreto Legge dovesse ricevere il via libera dalla Camera e dal Senato della Repubblica, verrà avviato ufficialmente il processo per la conversione in legge dello Stato. Nei successivi trenta giorni (dalla conversione in legge) MiSE e Agenzia delle Entrate hanno l’obbligo di emettere le relative circolari. Occorre fare riferimento proprio a queste per comprendere se anche i lavori di ristrutturazione degli infissi rientreranno nel bonus 110%. Dal testo attuale però sembra proprio che il bonus infissi non rientrerà ma resterà al 50%. Per i motivi sopra esposti, è necessario per il Governo contenga i costi per coprire le relative spese.

Il punto 2.1 del Decreto stabilisce nero su bianco che le spese di cui al comma 1 e 2 è ridotta del 50% per le spese sostenute dal 1 Gennaio 2018 concernenti acquisto e installazione di finestre comprensive di infissi. Ovviamente la norma fa riferimento anche ad altre spese sostenute per altri lavori come ad esempio la schermatura solare, sostituzione di caldaie ecc, il punto che maggiormente interessa però è quello sopra citato. Per avere informazioni più dettagliate non ci resta che attendere le circolari dell’Agenzia delle Entrate e del MiSE.