Buoni fruttiferi postali: i migliori su cui investire

Scopriamo quali sono i migliori buoni fruttiferi su cui investire che danno il maggior rendimento

Cosa sono i buoni fruttiferi postali? sono degli investimenti tra i più popolari utilizzati per generare interessi crescenti a lungo termine. Essi non hanno alcun costo di gestione e sono emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti e gestiti quindi dallo Stato italiano. Scopriamo insieme quali sono i migliori su cui puntare e avere il rendimento più alto.

Buoni fruttiferi postali migliori

Poste Italiane in questo periodo mette a disposizione diversi tipi di buoni fruttiferi postali fra cui abbiamo: il Buono anni risparmio semplice, il Buono dedicato ai minori, il Buono Ordinario, il Buono 3×2, il Buono 3×4 e il Buono 4×4. Questi ultimi due risultano essere gli investimenti più convenienti per il medio-lungo periodo e con un tasso di rendimento fino all’1,25%.

- Advertisement -

Buono risparmio semplice

Il buono anni risparmio semplice è un buono che ha durata di 4 anni. Con la sottoscrizione del Buono all’interno del Piano di risparmio, si ha la possibilità di accantonare periodicamente importi, anche contenuti, al fine di costruire un capitale nel tempo per scopi previdenziali. Con questo buono si può scegliere con tutta tranquillità senza dover impegnare grandi somme. Non si hanno spese di gestione e si può usufruire di una tassazione agevolata sugli interessi del 12,50%. Il rendimento annuo è dello 0.25%.

Buono dedicato ai minori

Questo buono è dedicato ai più piccoli per i loro grandi progetti. Gli interessi maturano con loro, fino alla maggiore età. Lo può sottoscrivere un genitore, o un nonno o qualche altra persona adulta che voglia fare un regalo. Il Buono cresce insieme al minore, perché gli interessi maturano fino al compimento del suo 18°anno di età con un rendimento fisso. Anch’esso ha la tassazione agevolata del 12,50% e il rendimento annuo è del 2,50%.

- Advertisement -

Buono ordinario

Il buono ordinario è dedicato a chi vuole investire a lungo termine i propri risparmi. Non si hanno spese di gestione o importo e ha una durata massima di 20 anni. Gli interessi vengono riconosciuti dopo 1 anno dalla sottoscrizione e successivamente ogni bimestre, corrisposti al rimborso del Buono. Il rendimento annuo è del 1,25%.

Buono 3×2

Il buono 3×2 è indicato per chi vuole investire nel medio periodo fino a 6 anni. In questo caso si ha la flessibilità di rimborsarlo anche dopo 3 anni con il riconoscimento degli interessi maturati. I primi interessi maturano già al completamento del primo triennio e il rendimento annuo è dello 0,70%.

- Advertisement -

Buono 3×4

il Buono 3×4 è più adatto per chi voglia investire nel medio periodo, la sua durata massima è infatti di 12 anni. Il rimborso può essere effettuato anche dopo 3, 6 e 9 anni mentre il rendimento effettivo annuo lordo passa dallo 0,25% dopo il terzo anno, allo 0,30% dopo il sesto, allo 0,70% dopo il nono e all’1% dopo il dodicesimo.

Buono 4×4

Il Buono 4×4 ha una durata complessiva di 16 anni e può essere rimborsato anche solo dopo 4, 8 o 12 anni. Anche questo titolo è soggetto a una tassazione agevolata del 12,50% sugli interessi maturati e il rendimento effettivo annuo lordo è così ripartito: dello 0,25% dopo il quarto anno, dello 0,60% dopo l’ottavo anno, dello 0,90% dopo il dodicesimo anno e dell’1,25% dopo il sedicesimo anno.

Come sottoscrivere i buoni fruttiferi postali

Per poter sottoscrivere i Buoni fruttiferi postali sopraelencati ci si può recare in un ufficio postale oppure svolgere la procedura interamente online. Quest’ultima modalità è riservata ai titolari di Libretto Smart di Poste italiane che hanno attivato le funzionalità dispositive per il Risparmio Postale online.

I buoni saranno dichiarati infruttiferi già dal giorno seguente alla scadenza e al termine del decimo anno si prescriveranno. Si possono sottoscrivere a partire da 50 euro o multipli, sia per quanto riguarda la forma cartacea sia quella online.

Ambra Leanza
Ambra Leanza
Articolista freelance, appassionata di viaggi, lettura e scrittura