Cannes premia Alain Delon con la Palma d’oro alla carriera

La 72 ° edizione del Festival di Cannes si terrà dal 14 al 25 maggio 2019

Cannes premia Alain Delon con la Palma d'oro alla carriera

Il Festival di Cannes 2019 ha deciso di assegnare la Palma d’oro d’onore all’attore, regista e produttore cinematografico Alain Delon, per rendere omaggio alla sua meravigliosa presenza sulla storia del cinema. Dopo Jeanne Moreau, Woody Allen, Bernardo Bertolucci, Jane Fonda, Clint Eastwood, Jean-Paul Belmondo, Manoel de Oliveira, Agnès Varda e Jean-Pierre Léaud, il Festival di Cannes è orgoglioso e felice che il leggendario attore che ha recitato in Il Gattopardo di Luchino Visconti (Palma d’oro 1963) ha accettato questo onore da parte della comunità internazionale.

Uno dei più grandi attori francesi

“Il presidente Pierre Lescure ed io siamo lieti che Alain Delon ha accettato di ricevere questo premio”, dice Thierry Fremaux, delegato generale. “Ha esitato per un lungo periodo di tempo su questa Palma d’oro, perché pensava che dovrebbe venire solo a Cannes per celebrare i registi che avevano lavorato con lui”. 

Stiamo parlando di un gigante, una leggenda vivente e un’icona mondiale. Più di 80 film, innumerevoli capolavori e superlativi sono testimonianza della portata artistica internazionale di un uomo che ha fatto irruzione sulla scena come nel Delitto in pieno sole(1960), un film poliziesco e inno alla sua incredibile bellezza. 

Molti di questi film sono diventati dei classici. Diretto da più grandi nomi del cinema (Antonioni, Visconti, Melville, Losey, Godard, Deray), ha recitato a fianco di stelle del cinema (Gabin, Lancaster, Montand, Sharif, Ventura) e abbracciato sullo schermo le migliori attrici ( Mireille Darc, Romy Schneider, Claudia Cardinale, Ursula Andress, Monica Vitti).

Per la sua bravura nella combinazione di eccellenza artistica e successo commerciale, lui è un campione del box-office (Borsalino, I senza nome), senza mai allontanarsi troppo dal cinema indipendente. Nel 1964, ha prodotto il ribelle di Algeri, un film noir di Alain Cavalier, prima di passare dietro la macchina da presa. Alain Delon ha sempre fatto scelte forti. Concentrandosi su complesse, ambivalenti e tragiche, ma fragili, personaggi grossolani. Con il suo carisma, i suoi occhi e la sua espressione di tensione, la recitazione di Delon è un genere di per sé come in Le Samourai – una grande fonte di ispirazione per John Woo e Quentin Tarantino.

Alain Delon e Cannes

Il suo legame con il Festival di Cannes risale sin dall’inizio della sua carriera. Era il 13 maggio 1961 quando fece la sua prima passeggiata su per le scale del tappeto rosso presentato nella Selezione Ufficiale. “In Mr. Klein (1976) c’è così tanto di me stesso”, ha detto in una recente intervista di Samuel Blumenfeld per Le Monde. “Il mio amore per i  dipinti, l’ambiguo rapporto tra le persone e questo tipo di gioco in cui Mr. Klein, senza sapere il perché, si trova in un essere e non voler essere, pur essendo lui “.

L’ottantatreenne attore francese, ha spesso frequentato Cannes, partecipando a molte cerimonie del Festival e a Cannes Classics per sostenere il restauro di alcuni dei suoi film preferiti. Negli ultimi anni, è stato anche visto in un teatro con la figlia Anouchka. Alain Delon, oggi ha detto che i suoi giorni di recitazione sono finiti. Ma ha un rimpianto. “L’unica cosa che mi manca essere stato diretto da una donna”.