Casa Green, via libera dal Parlamento Europeo

È stato approvato il provvedimento che punta all'obiettivo zero emissioni. Contrari i partiti di maggioranza del nostro governo.

È arrivo l’ok definitivo, da parte dell’Europarlamento, alla direttiva Energy performance of buildings directive. La famosa misura “Casa green” è dunque stata approvata con 370 voti a favore, 199 contrari e 46 astenuti.

La direttiva mette in luce un piano di trent’anni che mira a ridurre i consumi energetici degli immobili. Si punta ad avere edifici a zero emissioni entro il 2050 e in questo senso saranno i paesi europei a dover mettere in campo delle azioni che aiutino a raggiungere tale scopo.

- Advertisement -

Le tappe da qui al 2050

L’Unione Europea ha anche comunicato una tabella di marcia, infatti entro il 2030 gli Stati Membri dovranno ridurre del 16% i livelli di consumo degli immobili. Un traguardo sicuramente non facile da raggiungere, ma è chiaro che ogni paese europeo dovrà mettere in campo azioni concrete a sostegno delle riqualificazioni.

La direttiva è stata oggetto di lunghe trattative e diverse polemiche, ad esempio nella nuove versione della norma gli immobili saranno classificati seconda le medie di consumo e non più in base alla classe energetica.

- Advertisement -

È stato inoltre confermato l’addio alle caldaie a gas metano, ma la data dello stop definitivo è stata spostata dal 2035 al 2040. Attenzione però, già a partire dal 2025 gli Stati Membri non potranno erogare alcun tipo di incentivo per l’acquisto e l’installazione di caldaie a gas metano.

Le regole per i nuovi edifici

Novità molto importanti arrivano in merito alle nuove costruzioni. Infatti, dal 1° gennaio 2028 gli edifici pubblici dovranno essere a zero emissioni, mentre per tutti gli altri tale obbligo scatterà a partire dal 1° gennaio 2030.

- Advertisement -

Inoltre, tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno avere la predisposizione per poter accogliere impianti fotovoltaici e solari termici sui tetti.

Infine, la nuova direttiva concluderà il proprio iter burocratico con l’adozione da parte del Consiglio. Dopo venti giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il testo sarà definitivamente in vigore.

Marco Fior
Marco Fior
Mi chiamo Marco e sono un web writer freelance. Scrivo articoli per blog, siti web e pagine social. Tra le mie passioni c'è tutto quello che riguarda l'immobiliare (settore in cui ho lavorato diversi anni), finanza, economia, tecnologia, motori e sport. Mi piace scrivere di vari argomenti perché amo imparare cose nuove ogni giorno.