C’è un’epidemia di patologie cerebrali: la strategia dell’Italia per fermarla

"One Brain, One Health" è il manifesto della Società Italiana Neurologia. Bisogna arginare l'epidemia delle patologie cerebrali

Durante la Settimana Mondiale del Cervello la Società Italiana di Neurologia ha lanciato la Strategia Italiana per la Salute del Cervello 2024-2031. L’obiettivo è arginare l’epidemia in atto di patologie cerebrali. In Italia oltre metà della popolazione manifesta disturbi mentali e malattie neurologiche e a livello mondiale le patologie del cervello sono la seconda causa di morte e il motivo principale di disabilità. La salute delle persone è a rischio e le previsioni sono pessime considerando il graduale invecchiamento della popolazione.

La strategia dell’Italia contro l’aumento delle patologie cerebrali

La SIN vuole implementare il Piano Globale di Azione per l’epilessia e le altre malattie neurologiche previsto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità con l’intento di arginare l’epidemia di patologie del cervello. La strategia che verrà utilizzata considererà il cervello come un sistema complesso in relazione all’ambiente fisico e sociale. Salute del cervello significherà assenza di malattia ma anche uno stile di vita sano con attività fisica, alimentazione sana, niente alcool e fumo e gestione dello stress.

- Advertisement -

Si dovrà rispondere ai bisogni di salute in modo diverso facendo massima attenzione a quanto riportato nella Strategia Italiana. Le risorse a disposizione per il triennio 2024/2026 sono 35 milioni di euro per il Fondo per l’Alzheimer e le demenze. In Italia sono 720 mila le persone affette dal morbo di Alzheimer, 800 mila i pazienti resi invalidi da un ictus, 400 mila i cittadini con il Parkinson, oltre 1,2 milioni le persone con demenza e più di 12 milioni di italiani soffrono di disturbi del sonno. I dati registrano un’emergenza che solo una strategia efficace può arginare.