Celiachia: la pasta che non fa ingrassare

pasta

In arrivo sulle tavole la pasta che non fa ingrassare, realizzata con farina di diversi tipi di fagiolo, ottima al palato, non scuoce, e come elemento principale non contiene glutine. Adatta a chi ha problemi di celiachia, grazie a questa pasta l’incremento progressivo dell’obesità e sovrappeso nelle persone affette da questa patologia, sarà enormemente ridimensionato.

Molti studi effettuati sulla popolazione affetta da celiachia aveva evidenziato che con l’uso di alimenti gluten free, vi era un incremento notevole di malattie metaboliche legate al potere ingrassante di quest’ultimi alimenti. Anche il coordinatore del progetto Gianluca Giuberti ha spiegato che

I celiaci si nutrono di cibi con un indice glicemico più alto rispetto ai cibi contenenti glutine e questo comporta spesso un aumento di peso. Abbiamo quindi pensato di ipotizzare l’utilizzo di fonti alternative di amido con un basso Ig come i legumi

Loading...

 

La pasta è il risultato del lavoro meticoloso di un team italiano, presso i laboratori dell’Università Cattolica di Piacenza, dove gli studiosi stanno lavorando alla creazione di questo alimento a base di farina di fagiolo, ma anche con un indice glicemico basso, quindi adatto anche a chi ha patologie come il diabete.

Cosa è la celiachia?

La celiachia è una malattia autoimmune dell’intestino tenue. La malattia si verifica in individui di tutte le età, geneticamente predisposti. Tra i sintomi principali vi sono la diarrea cronica, ritardo della crescita nei bambini e stanchezza. A volte la caliachia può presentarsi asintomatica, ed i sintomi risultano assenti. La celachia è caratterizzata da una forte intolleranza al glutine, sostanza proteica presente nei seguenti cerali e farine, avena, frumento, farro, grano khorasan (di solito commercializzato come Kamut®), orzo, segale, spelta e triticale.
La malattia d’intolleranza alimentare attualmente in Italia è stimata con una percentuale di una persona su 100, ci sarebbero 600 mila celiaci. Purtroppo quelli in realtà diagnosticati come celiaci ammonterebbero a 150mila., l’incidenza della malattia aumenterebbe del 10% ogni anno.

L’unica cura per questa patologia autoimmune è eliminare  gli alimenti contenenti glutine, pane, pasta, biscotti, pizza, per questo il paziente celiaco è costretto a seguire una dieta con prodotti specifici. Il team ha lavorato per creare un alimento che non facesse ingrassare.

Utilizzando alcune farine ricavate dai fagioli, ha ottenuto una pasta simile a quella realizzata con il grano, che mantiene la cottura e garantisce un buon gusto al palato. Si pensa già ad allargare il bacino dei prodotti realizzati con questa tecnica, come i craker e i biscotti. Il coordinatore del progetto afferma ora sarà importante testare il prodotto sulla popolazione affetta da celiachia e vederne gli effetti e l’azione per evitare il sovrappeso e le malattie legate all’introduzione di cibi troppo calorici.