Come capire se un profilo ha un’immagine manipolata o rubata?

Esistono dei modi per capire se una immagine è stata rubata o modificata. Scopriamoli insieme

Hai ricevuto una richiesta di amicizia da uno strano profilo e vuoi capire se un’mmagine è stata manipolata e si tratta, ad esempio, di un profilo fake? Ci son diversi metodi per scoprire se un’immagine è stata manipolata eccone due.

Uno è quello di caricare su Google Immagini l’immagine incriminata. In modalità desktop, Google fornisce la possibilità di caricare un’immagine nella barra di ricerca. Cliccando poi su Cerca, Google cercherà tra tutte le immagini online quelle che hanno una corrispondenza con quella caricata.

- Advertisement -

Potrete così facilmente scoprire, ad esempio, se le foto del profilo di cui nutrite sospetti appartengono a qualcun altro. Tuttavia Google Immagini ha una pecca: non riconosce i “ritagli”. Questo significa che se la persona in questione è stata abbastanza furba da “ritagliare” l’immagine prima di caricarla online, sarà molto difficile che Google vi riporti all’immagine originale che è stata rubata.

Fake image detector è invece un’app per device mobili.

- Advertisement -

Una volta caricata l’immagine, l’applicazione fornirà all’utente un’indicazione sulla possibile autenticità, mediante due metodi d’analisi: l’analisi del livello di errore (Ela) e l‘analisi dei metadati.

L’Ela si basa sul principio per il quale un’ immagine compromessa o alterata ha una compressione digitale maggiore nella parte modificata rispetto al resto dell’immagine. Analizzando quindi la composizione e la compressione della foto, l’applicazione è in grado di capire se l’immagine ha subito o meno modifiche. Ma purtroppo questo sistema non è efficace se l’immagine arriva da Telegram, WhatsApp o una qualsiasi app di messaggistica, dove viene effettuata una compressione dei file.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.