Contestazione Paypal, come funziona

Ecco una breve guida per gestire le contestazioni Paypal

contestazioni paypal
paypal e le contestazioni

Cosa succede quando ci sono dei problemi con gli acquisti online? Paypal offre una soluzione rapida e sicura. Cerchiamo insieme di capire come fare quando occorre aprire una contestazione paypal.

Cos’è Paypal e come aprire una contestazione?

E’ una società americana che offre servizi inerenti al trasferimento monetario e pagamento digitale. Utilizza internet in modo sicuro, garantendo ai propri clienti la sicurezza e la trasparenza dell’operazione. Nasce nel dicembre 1998 ed è stata fondata da Max Levchin, Luke Nosek, Ken Howery e Peter Thiel. Chiunque può aprire un conto con Paypal, e questo ha fatto che il metodo di pagamento online ha avuto una rapida diffusione. Tanto che Paypal ha avuto importanti accordi commerciali, ad esempio con Ebay. Così entrambe le società hanno stretto e firmato accordi che le legano fino al 2020. Paypal arriva in Europa nel 2007, aprendo una sede in Lussemburgo. PayPal ha debuttato 2015 sul listino NASDAQ.

Come si apre un conto Paypal?

Creare un conto Paypal è molto semplice. Occorre registrare i propri dati sul sito www.paypal.it. Basta un indirizzo mail ed una password per l’accesso al proprio account. E’ possibile legare una carta di credito o di debito, oppure un conto bancario. Dopo aver letto e sottoscritto il regolamento della società con un semplice click, il gioco è fatto. A questo punto sarà semplicissimo effettuare i propri acquisti online, sia in Italia che all’estero. Nei vari siti, che permetto gli acquisti tramite Paypal c’è un’icona con il con la famosa P blu. Cliccando su, il passaggio monetario è rapido ed l’acquisto semplice da pagare. Solo pochi click per avere l’addebito del proprio acquisto. Ma cosa succede quando qualcosa non va nel modo giusto? E’ possibile fare una contestazione Paypal.

Non ho ricevuto l’articolo acquistato o quello ricevuto è diverso da quello pubblicizzato. Cosa posso fare?

Apri una contestazione Paypal?

Dopo 7 giorni dal pagamento l’acquirente può aprire una contestazione. Perchè? Sono due i casi previsti: oggetto non ricevuto. Oppure notevole non conforme alla descrizione. Il compratore può farlo entro 180 giorni dal pagamento. Ma per aprire una contestazione, occorre prima di tutto entrare nel proprio account con mail e password. Andare sulla cronologia delle operazioni, cliccare su quella oggetto di contestazione ed aprirla per visualizzare i dettagli. A questo punto è possibile contattare il venditore. Spiegare le proprie motivazioni della controversia direttamente al venditore. Si hanno circa 20 giorni per trovare una soluzione amichevole.

Cosa succede se non si ottiene un accordo?

Se non doveste giungere ad un accordo entro 20 giorni, la contestazione può essere trasformata in reclamo. Ciò significa che l’acquirente, o il venditore, ha richiesto l’intervento di PayPal. Ci sono a disposizione 10 giorni per rispondere e inviare a Paypal i documenti giustificati richiesti. Entro 30 giorni sarà la stessa società a mediare ad a prendere una decisione sul reclamo. Per inviare un reclamo occorrono alcuni semplici passi:

  • accedere al conto Paypal;
  • cliccare su risolvi un problema nel centro soluzioni;
  • selezionare Pratiche aperte;
  • scegliere la contestazione da trasformare in reclamo;
  • cliccare su Inoltra a Paypal;
  • completare il modulo con i dati richiesti;
  • ed infine convertire in reclamo.

Il cliente può chiedere che venga fatto un rimborso parziale. Ma così facendo la contestazione prima, e reclamo poi, vengono chiuse definitivamente.

Se invece, la transazione non era autorizzata, visita il Centro risoluzioni per aprire una contestazione per transazione non autorizzata.

Quali documenti inviare in caso di reclamo?

Nel caso in cui la contestazione diventi reclamo e si chiuda l’aiuto di Paypal, occorre inviare la documentazione richiesta. I documenti vanno caricati direttamente nel loro sistema in modo da rendere il processo di revisione più veloce. In modo specifico:

  1. Andare sul Centro risoluzioni e sceglire Risolvi nella colonna Azione della pratica in oggetto;
  2. Allegare i documenti e selezionare il file che si desidera allegare cliccando su Browse;
  3. Assegnare al file un titolo e selezionare il tipo di prova che si sta allegando;
  4. Cliccare su Allega questo documento e invia i documenti a PayPal

A questo punto Paypal valuterà la controversia e provvederà a risolvere il problema.

Com’è possibile chiudere una contestazione paypal?

Se l’acquirente riceve ad esempio il suo oggetto, cosa succede al reclamo? Quest’ultimo può essere chiuso in qualsiasi momento. Ma anche in questo caso è molto semplice, pochi passaggi e via. Una contestazione chiusa lo è in via definitiva. Il venditore può anche lui chiudere una contestazione. Ma quando? Il venditore può chiudere il reclamo, solo emettendo un rimborso totale del prezzo speso dalla controparte. Ma se vi è un rimborso parziale? In questo caso, la controversia può essere chiusa solo se l’acquirente lo permette ed accetta il pagamento parziale. Ecco i semplici passi:

  1. Nella pagina Centro risoluzioni, selezionare tutte le pratiche aperte nel menu a discesa, passare alla transazione in oggetto e cliccare su Risolvi nella colonna Azione;
  2. Controllare i dettagli dello stato del reclamo e cliccare su Risolvi reclamo;
  3. Seleziona una delle opzioni di risoluzione elencate;
  4. Cliccare su Continua e seguire le istruzioni fornite.

Come emettere un rimborso con Paypal?

E’ necessario chiarire che un rimborso può essere emesso solo se non si ha un account vuoto. Anche per questa operazione è necessario andare al centro risoluzione e rimborsare il cliente. Ma come fare? Semplice, individuare la transazione. Provedere selezionando la voce emetti un rimborso sotto la colonna Azione. Scrivere l’importo del rimborso e cliccare su Continua. Una volta che sono stati confermati i dettagli sarà possibile Emettere un rimborso. 

Paypal assicura transazione rapide e veloci al fine di garantire la soddisfazione dei compratori e dei venditori in tutto il mondo.

Leggi anche —> Commercio online: quando spendono gli italiani

Potrebbero interessarti anche