Cosmetici e danni all’ambiente: quali sono quelli più nocivi?

Dal sapone alle creme solari, passando per le creme viso. Quali sono alcuni dei composti più nocivi ed inquinanti?

Sapone solido, sapone liquido, gel doccia o shampoo, li usiamo tutti. Non importa quali cosmetici usiamo mentre facciamo la doccia, tutti finiscono per scorrere giù per i tubi direttamente nello scarico. Quindi, viaggiano verso gli impianti di trattamento delle acque reflue, dove le acque reflue vengono depurate.

Sfortunatamente, gran parte delle acque reflue inquinate da saponi, gel o altri prodotti cosmetici si fa strada nell’ambiente naturale, con conseguente inquinamento.

- Advertisement -

Estate, e vacanze al mare significano sole, acqua, onde e per alcuni di noi – prendere il sole. L’esposizione a lungo termine alla luce solare richiede un’adeguata protezione della pelle, come indossare la protezione solare con un filtro UV. Le creme solari sono il miglior esempio di sostanze chimiche che vanno direttamente in mare, fiume o lago mentre nuotiamo. Contengono sostanze che assorbono o riflettono le radiazioni ultraviolette provenienti dalla luce solare, come i composti organici e inorganici, e queste possono diventare gravi inquinanti acquatici.

Alcune delle sostanze chimiche più dannose per l’ambiente nelle creme solari includono ossibenzone, benzofenone-1, benzofenone-8, canfora di benzilidene 4-metile, canfora 3-benzilidene, ossido di zinco nanostrutturale, ottinoxato e octocrilene. Ma questo è solo l’inizio di una lunghissima lista di composti nocivi nei cosmetici. Queste sostanze hanno un’influenza negativa sull’ambiente acquatico: le barriere coralline, i pesci e altri che sono altamente vulnerabili all’esposizione.

- Advertisement -

Queste sostanze chimiche colpiscono lo zooplancton e altri animali. E conseguentemente anche il nostro cibo. Molti pesci, infatti, non sono sani. Esperimenti hanno dimostrato che i pesci che entrano in contatto diretto con queste sostanze possono avere difetti di sviluppo significativi.

I filtri UV trovati nella protezione solare sono stati trovati come causa di morte di animali che vivono in sistemi acquatici; tra questi, l’ossibenzone è la faglia più significativa. Disturba l’attività ormonale di coralli e pesci, rendendo impossibile la loro riproduzione. Anche le concentrazioni minime di ossibenzone, nell’ordine equivalente a 1 goccia sciolta in 6,5 piscine olimpiche, sono dannose.

- Advertisement -

L’ossibenzone ha anche un’influenza negativa sul plancton essendo cibo per i pesci. Se è dannoso per i pesci, è anche tossico per noi. Anche benzofenone-8benzofenone-3benzofenone-1 funzionano in modo simile all’interferente endocrino che colpisce il sistema ormonale. Inoltre, i benzofenoni sono cancerogeni, quindi possono anche portare allo sviluppo del tessuto tumorale.

Un altro composto ampiamente utilizzato nei filtri UV, la canfora 4-metil benzilidene, è anche riconosciuto come interferente endocrino. È uno dei composti più comunemente rilevati nei tessuti ittici d’acqua dolce. Si è scoperto che colpisce anche i tessuti cerebrali degli animali che vivono in acque inquinate da quel composto. La sua canfora derivata 3-benzilidene ha effetti tossici sugli organismi viventi ed è vietato nell’Unione Europea per l’uso nei cosmetici.

Un altro composto pericoloso è l’ossido di zinco (ZnO). La sua polvere è usata nei filtri UV, mentre particelle e piccole nanoparticelle possono dissolversi nell’acqua di mare, nell’aggregato o nei sedimenti. La sua tossicità è molto diversa dai composti sopra menzionati, mentre è ancora pericolosa. Può generare specie reattive di ossigeno che colpiscono gli organismi che vivono nei sistemi acquatici. Ultimo, ma non meno importante: ottinoxato e octocrilene rivelano tossicità neurologica e interruzione ormonale.

Quali sono altre sostanze chimiche nei cosmetici che inquinano facilmente l’acqua? Qualunque cosa usiamo per trattare la nostra pelle, prima o poi, arriverà agli scarichi e all’ambiente. Per molti anni si è detto che i parabeni (ampiamente utilizzati in creme o altri cosmetici) hanno una bassa tossicità. Purtroppo, la verità è tutt’altro.

I parabeni possono influenzare lo sviluppo del feto, causando arrossamento della pelle e reazioni allergiche sia negli animali che nell’uomo. La struttura di questi composti è simile ai nostri ormoni, quindi una volta che interagiscono con la nostra pelle, attraversano facilmente le barriere biologiche. Interagiscono con il corpo agendo come ormoni influenzando negativamente il sistema ormonale e causando diversi problemi di salute.

I parabeni non sono l’unico esempio di composti che si possono ancora trovare nei cosmetici. Il prossimo è il triclosan, usato come agente antibatterico. In precedenza, si diceva che il triclosan non fosse tossico, ed era ampiamente aggiunto a saponi per le mani, shampoo o persino tipi di dentifricio. Più tardi, si è scoperto che è pericoloso per l’uomo e l’ambiente. Un’alta concentrazione di triclosan nell’acqua ha un’influenza tossica su molti tipi di alghe e crostacei. Ciò influisce sulla loro struttura e sul loro funzionamento e può portare a uno squilibrio negli ecosistemi acquatici.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.