Covid, OMS lancia allarme: “Se operatori sanitari non vaccinati, la pandemia andrà avanti per un anno in più”

"In Africa solo un operatore su 10 risulta completamente vaccinato. Di questo passo, la pandemia potrebbe durare un anno più del necessario"

ll Covid ha colpito gravemente il personale sanitario e potrebbe aver ucciso tra 80.000 e 180.000, afferma l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Gli operatori sanitari devono avere la priorità per i vaccini, ha riferito il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, e ha criticato l’ingiustizia nella distribuzione dei vaccini.

- Advertisement -

I decessi si sono verificati tra gennaio 2020 e maggio di quest’anno.

In precedenza, un altro alto funzionario dell’OMS ha avvertito che la mancanza di dosi potrebbe far sì che pandemia continui fino al prossimo anno.

- Advertisement -

Ci sono circa 135 milioni di operatori sanitari a livello globale.

I dati provenienti da 119 paesi suggeriscono che, in media, due operatori sanitari su cinque a livello globale sono completamente vaccinati“, ha detto il dottor Tedros.

- Advertisement -

Ma, naturalmente, quella media maschera enormi differenze tra regioni e raggruppamenti economici“.

Meno di un operatore sanitario su 10 è stato completamente vaccinato in Africa, ha detto, rispetto a otto su 10 nei paesi ad alto reddito.

L’incapacità di fornire ai paesi più poveri abbastanza vaccini è stata evidenziata in precedenza dal dottor Bruce Aylward, un leader senior dell’OMS, che ha affermato che ciò significa che la crisi Covid potrebbe “facilmente trascinarsi in profondità nel 2022”.

Meno del 5% della popolazione africana è stata vaccinata, rispetto al 40% nella maggior parte degli altri continenti.

La stragrande maggioranza dei vaccini Covid in generale sono stati utilizzati nei paesi ad alto reddito o medio-alto reddito. L’Africa rappresenta solo il 2,6% delle dosi somministrate a livello globale.

L’idea originale alla base di Covax, il programma globale sostenuto dalle Nazioni Unite per distribuire i vaccini in modo equo, era che tutti i paesi sarebbero stati in grado di acquisire vaccini dal suo pool, compresi quelli ricchi, scrive la corrispondente della BBC Global Affairs Naomi Grimley.

Ma la maggior parte dei paesi del G7 ha deciso di trattenersi una volta che hanno iniziato a fare i propri accordi one-to-one con le aziende farmaceutiche.

L’esperto ha poi detto che i paesi ricchi hanno bisogno di “fare il punto” dove erano con i loro impegni di donazione presi in vertici come la riunione del G7 a St Ives quest’estate.

Posso dirvi che non siamo sulla buona strada”, ha detto. “Abbiamo davvero bisogno di accelerare il processo o sai cosa? Questa pandemia andrà avanti per un anno in più del necessario“.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.