Creval – Credito Valtellinese: la CdA attacca Dumont

Il 12 ottobre ci sarà il rinnovo del CdA della Creval. Scontro ai vertici.

Creval: aria tesa ai vertici del gruppo bancario Valtellinese

Aria di tensione ai vertici del Creval in particolare, dopo lo sconquasso causato, il 9 agosto scorso, da Denis Dumont, titolare del 5,78% della società che aveva chiesto l’azzeramento del CdA (Consiglio di amministrazione). Questi, però, hanno precisato il totale disaccordo alle argomentazione che la holding di Dumont ha chiaramente espresso, definendo l’opinione e la richiesta “oggettivamente non condivisibile” dal momento che il Consiglio ha sempre agito nell’interesse esclusivamente sociale.

Una mossa dirompente quella dell’imprenditore transalpino, che nel 1992 ha fondato a Lione la catena di supermercati Grand Frais. Dumont ha lavorato meticolosamente sulla lista dei candidati cercando di costruire un board di qualità in grado di attirare il supporto dei fondi di investimento.

Creval: Credito Valtellinese, che cos’è?

Prima di parlare dello sconto in atto tra il CdA e Dumont è bene sapere che cos’è il Creval. Il Creval, o Credito Valtellinese, è una banca italiana. Fino al 2016 è stata una banca popolare poi è stata trasformata in una società per azioni. E’ presente sul territorio nazionale in 11 regioni con 362 filiali e con oltre 3600 collaboratori. Il Credito Valtellinese orientata in modo costante alla ricerca sempre delle qualità attraverso anche innovative soluzioni tecnologiche.

Creval: il 12 ottobre il rinnovo del consiglio

Loading...

Il 12 ottobre a Milano ci sarà il rinnovo del consiglio di amministrazione del Credito Valtellinese. La contesa avverrà tra due azionisti, entrambi francesi, Denis Dumont e il Credit Agricole che dunque si presenteranno su fronti opposti. I soci, in quella data, dovranno votare sulla revoca del CdA, ed in caso la mozione dovesse essere approvata avverrà anche la nomina del nuovo board, la cui scadenza naturale è fissata per la primavera prossima.

Creval: I numeri di Credito Valtellinese

Il Fatturato del Credito Valtellinese ammonta a 868 mln di € (per il Gruppo). L’utile netto è di – 325 mln di € (per il Gruppo).

Creval: la contromossa del CdA contro Dumont

Il CdA del Credito Valtellinese dopo aver esaminato le contestazioni avanzate dall’imprenditore francese ha deciso di approvare una controrelazione con cui ha risposto alle accuse. Una relazione in cui la banca mette in evidenza i risultati che ha raggiunto durante gli ultimi mesi sotto la guida Ceo Mauro Selvetti. Nella relazione si parla dell’aumento di capitale da 700 milioni ai progetti di pulizia degli asset realizzati, in linea con la road map approvata dalla maggioranza dall’assemblea dei soci lo scorso dicembre.

Una risposta secca quella del CdA che ha ben precisato di aver implementato, puntualmente, tutte le azioni del piano industriale senza incoerenze. Tutto ciò sulla base di un piano di ricapitalizzazione che è stato approvato dal ben 98,6% di azionisti. Tra queste figura anche holding DGFD S.A. che fa capo, proprio, all’imprenditore francese.

Il consiglio ha poi, inoltre, precisato che ogni scelta è stata presa con autonomia e senza vincolo di mandato, negando ogni interesse particolare di soci.

Creval: le dimissioni di Fiordi e di 10 consiglieri del CdA

Due giorni fa sono arrivate le dimissioni ufficiali di Fiordi e di ben 10 consiglieri del CdA. “Scelta maturata per evitare spaccature nel corpo sociale e tensioni” questa la principale motivazione. Si è dimesso, dunque, quasi completamente il Cda di Credito Valtellinese che è stata convocata alle ore 9,30 per rinnovare il board, così come richiesto lo scorso 9 agosto dall’azionista franco-svizzero Denis Dumont.

A dimettersi è stato anche il presidente Miro Fiordi che nel corso degli ultimi mesi si era fermamente opposto all’ipotesi di un ricambio nel CdA. Oltre a Fiordi, si sono dimessi il Vicepresidente Michele Colombo, i consiglieri Giovanni De Censi, Flavio Ferrari, Paolo Stefano Giudici, Gionni Gritti, Livia Martinelli, Paolo Scarallo, Elena Beccalli, Alberto Sciumè e Gabriele Cogliati.

A questo elenco manca il consigliere d’amministrazione e amministratore delegato Mauro Selvetti che è nella dei candidati di Dumont e che comunque ha perso la sua carica in occasione ovviamente dell’assemblea del 12 ottobre.

L’Istituto di credito ha divulgato una nota in cui ha spiegato il perché di questa decisione: “Tale decisione, come anche la scelta del Consiglio di Amministrazione di non presentare una propria lista è maturata con l’esclusivo obiettivo di perseguire l’interesse della Banca in piena coerenza con il grande rispetto e dedizione verso i suoi azionisti tutti, il mercato e, più in generale, i suoi stakeholder e al fine di evitare spaccature nel corpo sociale e tensioni che potrebbero mettere a repentaglio il ben avviato processo di rilancio della Banca stessa”.

Creval: reso noto il progetto di fusione

Nei giorni scorsi, inoltre, il Credito Valtellinese, a seguito dell’autorizzazione rilasciata dalla Banca d’Italia, ha reso noto il progetto di fusione relativo all’operazione di incorporazione di Creval Sistemi e Servizi Società Consortile per Azioni in Credito Valtellinese S.p.A. Tale progetto è stato depositato per l’iscrizione presso il Registro delle Imprese di Sondrio in data 28 settembre 2018 ed iscritto in pari data.

Sarà il CdA a dover approvare la fusione. Entro il 6 ottobre i soci del Creval che rappresentino almeno il cinque per cento del capitale sociale possono chiedere che tale decisione sia adottata dall’Assemblea straordinaria.

Creval: i dati Consob della Morgan Stanley

La Consob (Commissione nazionale per le società e la Borsa) ha comunicato ufficialmente che il 20 settembre, scorso, la Morgan Stanley, banca d’affari con sede a New York, ha ridotto la partecipazione aggregata detenuta nel capitale del Credito Valtellinese portandola dal 6,962% allo 0,376%.

Roby Contarino
Scrittore, poeta, autore di canzoni, blogger, social media manager. Gestisce un blog personale "Ad esempio a me piace scrivere". Collabora oltre che con Quotidian Post anche con CalcioNow, Spynews e Supernews. Ha pubblicato tre romanzi (Un amore, un destino; Come dentro una Bottiglia; All'ombra dell'ultimo sole". A dicembre uscirà il suo nuovo romanzo "Il Pianista e la bambina: vita sopra le righe".
Potrebbero interessarti anche