Diventare famosi su youtube e sbaragliare la concorrenza

Come far diventare un video virale e sbaragliare la concorrenza

youtube diventare famosi

Oltre 1,9 miliardi di utenti al mese, un miliardo di ore di contenuti visionati ogni giorno, 91 versioni locali in 80 diverse lingue, sono questi i numeri impressionanti della piattaforma web Youtube, che dal 2005 anno della sua fondazione, consente la condivisione e visualizzazione in rete di milioni di video votati e commentati dagli stessi utenti.

Una piattaforma in grado di generare un elevato giro d’affari come certificato dalla rivista statunitense Forbes che ogni anno redige una classifica degli youtubers più seguiti e più ricchi, per molti i nuovi “eroi” della rete. Secondo Forbes, fra giugno 2016 e giugno 2017 i primi dieci youtubers più cliccati al mondo, hanno guadagnato oltre 127 milioni di dollari lordi.

Una cifra a cui non è difficile credere se solo Daniel Middleton, meglio conosciuto come Dan DTM, gamer inglese di 26 anni, il primo degli youtubers presenti in questa classifica, nel periodo compreso tra giugno 2016 e giugno 2017, grazie ai quasi 17 milioni di followers, agli 11 miliardi di visualizzazioni dei suoi video e alle serate da sold out in diverse città del mondo, ha guadagnato 16,5 milioni di dollari.

Più modeste le cifre degli youtubers italiani secondo un indagine commissionata dal Sole 24 Ore, tuttavia cifre considerevoli se confrontate con quelle di uno stipendio medio, indagine in base alla quale al primo posto nel nostro Paese per numero di iscritti al proprio canale vi sarebbe lo youtuber Lorenzo Ostuni, gamer conosciuto come Favij, con circa 3.4 milioni di utenti, 1.5 miliardi di visualizzazioni dal 2012 e un incasso annuo stimato che può raggiungere i 4.3 milioni di euro, per un guadagno medio mensile che si aggira tra i 22mila e i 355mila euro.

Ma non se la passano male nemmeno altri famosi youtubers italiani come St3pNy2, con 2.2 milioni di utenti e 837 milioni visualizzazioni e un guadagno annuo tra i 204 mila euro ai 3.3 milioni. Conosciutissimi sul web anche Ipantellas attivi dal 2009 con 2,4 milioni di utenti e un guadagno medio annuo stimato tra i 105 mila e 1,7 milioni di euro; IlvostrocaroDexter, con un canale Youtube aperto dal febbraio 2012, 2 milioni di utenti e 620 milioni di visualizzazioni e ricavi tra i 95 mila e i 1,5 milioni di euro (8 mila – 126 mila euro al mese) o ancora CiccioGamer, canale aperto nel 2012, con 1.7 milioni di utenti, 560 milioni di visualizzazioni e guadagni annui tra i 131 mila e i 2.1 milioni.

Non è quindi un caso, considerate queste cifre, che molti soprattutto fra i più giovani, sognino di potersi affermare nel “mondo” di Youtube.

Youtube un “mondo” affascinante e apparentemente alla portata di tutti

considerata la facilità con cui è possibile aprire un account, bastano infatti, pochi click e in men che non si dica si è in grado di condividere con tutto il mondo i propri video, video realizzati anche con un semplice cellulare e pubblicati sempre con la speranza che possano diventare virali. Si tratta tuttavia di un mondo estremamente polarizzato: infatti a fronte di una sparuta pattuglia di youtubers in grado di guadagnare cifre considerevoli, vi è una maggioranza di iscritti capace di accumulare ogni anno soltanto pochi spiccioli.

Un mestiere semplice quello dello youtuber

solo apparentemente e che al contrario può essere paragonato a quella che è la difficile vita lavorativa di molti professionisti, in quanto se in poco tempo grazie a un video di successo si possono guadagnare cifre considerevoli, restando fermi, facilmente si può perdere la popolarità raggiunta e se scende il livello di popolarità si perde gran parte del lavoro svolto.

Per questo, per mantenere costante nel tempo il proprio numero di visualizzazioni, sarà necessario differenziarsi sempre dai propri competitors e attraverso la cura nel montaggio e attraverso il racconto di situazioni quotidiane in cui il pubblico possa rispecchiarsi, ma soprattutto parlando ai giovani, principali fruitori della rete, utilizzando il loro linguaggio.

Youtube grande opportunità anche per un’azienda alla ricerca di un nuovo mercato

Grazie all’impressionante numero di visualizzazioni e condivisioni giornaliere. Non è un caso che in questi anni sia aumentato il numero di imprese presenti su questa piattaforma che o in modo professionale o più semplicemente, non disponendo di grossi budget, con tanta creatività, cercano di “agganciare” il maggior numero possibile di utenti.

Attraverso un canale Youtube un’azienda può infatti, riuscire a promuovere più facilmente i propri prodotti e i propri servizi per merito di una comunicazione credibile, perché basata su una relazione di tipo 1:1, che non solo mette il singolo consumatore in contatto con altri consumatori, ma anche in modo diretto e non filtrato con la stessa azienda. Una forma di marketing che rispetto a canali più tradizionali ha degli ulteriori vantaggi quali ad esempio: la riduzione dei costi di stampa e di distribuzione, ma anche una maggiore qualità di dati raccolti e un feedback immediato sulla propria campagna pubblicitaria.

Ma in una realtà come quella di YouTube, dove ogni minuto vengono caricate più di 300 ore di video, trovare la propria strada e per un’azienda e per un giovane youtuber potrebbe essere estremamente difficile. Una sfida che può gettare nello sconforto anche i più entusiasti nel momento in cui, nonostante tutti gli sforzi messi in atto, ci si accorge che il numero di views e followers non cresce.

Per promuovere il proprio business o per mostrare il proprio talento sarebbe quindi utile rivolgersi a delle agenzie di marketing

Come l’agenzia Magic Viral che grazie a delle liste di utenti reali, fornisce un vero e proprio servizio di marketing su come aumentare le visite youtube in modo veloce, sicuro e legale. Non bot o spam ma utenti reali e verificati, iscrizioni spontanee, persone vere, cui vengono recapitate precise istruzioni su quali video guardare e sul tipo di feedback da lasciare (commento, “like”, iscrizione, preferito); questo significa che le visite non verranno effettuate da programmi automatizzati ma da veri utenti che potranno anche commentare il video pubblicato, condividerlo su altri social network oppure inserirlo tra i preferiti, facendo così come aumentare visite youtube.

Magic Viral ha quindi utenti reali iscritti al circuito, che ricevono un compenso per ogni click che realizzano sui link consigliati. In questo modo quando l’agenzia fa girare l’informativa interna con una richiesta da parte di un cliente (ad esempio 100.000 visualizzazioni youtube) riconosce il pagamento solo per i primi 100,000 collaboratori che cliccano, garantendo con questo sistema sia la rapidità che la qualità dei fans iscritti, non impiegando nè software che generano finti utenti, nè net-farm in paesi asiatici: fans autentici e reali, tanto per le visualizzazioni su YouTube quanto per gli altri servizi offerti.

“Posizionamento” la chiave del successo su Youtube

Come nel gergo tecnico del web 2.0 questo processo viene definito. Semplicemente dei metodi pubblicitari alternativi e capaci, che attraverso un tam tam mediatico generato su piattaforme, come la stessa Youtube, sono capaci di attivare un circolo virtuoso, in quanto un video con un elevato numero di visualizzazioni non potrà non trascinare dell’ulteriore traffico, poiché gli utenti catturati dall’alto numero di visualizzazioni saranno spinti a guardarlo facendolo così diventare virale.

Si crea di fatto un meccanismo emulazione simile a quello che si ha quando, passando davanti a un ristorante gremito, siamo spinti anche noi a entrare scattando di fatto nella nostra mente, una immediata associazione tra ristorante pieno e ristorante buono. Lo stesso per gli utenti di YouTube: il fatto che vi siano già migliaia di visualizzazioni, like o iscritti a un canale sarà per molti una garanzia sulla validità di quel contenuto.

Per questo, per molti youtubers o aziende alle prime armi  che sentono la necessità di una spinta iniziale per poter innescare questo meccanismo virtuoso, così entrare tra i video più cliccati e di tendenza, potrebbe essere utile fare un piccolo investimento pubblicitario iniziale, per poi se soddisfatti dei risultati raggiunti acquistare dei pacchetti più consistenti, in modo da allargare ulteriormente il proprio pubblico nella speranza di poter entrare un giorno nell’Olimpo degli youtubers.

Potrebbero interessarti anche