Energia rinnovabile in crescita boom del 50% rispetto al trimestre dello scorso anno

Il dipartimento per l'energia ENEA ha rivelato una diminuzione delle emissioni di CO2 del 26%, una notizia super

Il Dipartimento Unità per l’efficienza energetica ENEA ha censito l’ultimo rapporto sugli effetti prodotti dalla chiusura forzata dei tre mesi causati dalla pandemia. Si è avuto un crollo delle emissioni di CO2 responsabili del riscaldamento del clima della terra mentre sale al primo posto il consumo di fonti rinnovabili. Un primato dopo 53 anni.

Prezzi ed energia in ribasso

Rispetto al secondo trimestre del 2019 in Italia i consumi di energia sono diminuiti del 22%. Il periodo più drammatico è stato quello di aprile con il 30% in meno. Si sono abbassati anche i prezzi cosi come i consumi di energia elettrica calati del 13%.

- Advertisement -

Mentre le energie rinnovabili sono salite del 50% e sono tornate alla ribalta dopo oltre mezzo secolo. A fine ottocento infatti l’Italia aveva già iniziato a produrre energia con centrali idroelettriche ma nel dopoguerra con il boom economico e la costante ricerca di energia portarono allo sviluppo di centrali termoelettriche.

Petrolio e metano in calo rispetto al 2019

Come abbiamo accennato le emissioni di anidride carbonica sono diminuite del 26% rispetto alla primavera del 2019. E oltre a ciò sempre fra aprile e giugno rispetto all’anno scorso sono calate le domande di petrolio che è sceso del 30%, il metano del 18% cosi come le importazioni di energia elettrica scese del 70% mentre in costante aumento le fonti rinnovabili del 7%.

- Advertisement -

L’Enea ha evidenziato anche una diminuzione dell’utilizzo del gas da parte di aziende e di piccoli consumatori, ed essi hanno beneficiato di una riduzione del 27% del prezzo rispetto allo stesso periodo del 2019 e si prospetta un’estate con il prezzo ancora più basso. Per le famiglie con utenze domestiche la riduzione è stata del 25% rispetto all’inverno.

Ambra Leanza
Ambra Leanza
Articolista freelance, appassionata di viaggi, lettura e scrittura