Farmaci: attenzione ai falsi. L’Aifa lancia l’allarme

Un recente comunicato Aifa avverte di prestare attenzione ad una partita di farmaci privi di dentificazione.

Attenzione ai farmaci falsi
Scoperte partite di farmaci importati privi di bollino. Massima allerta

Un recentissimo comunicato AIFA mette in allerta in merito a 4 farmaci le cui partite potrebbero essere state contraffatte o comunque di provenienza illegale.

Si parla di Clexane, Neupro, Vimpat e Spiriva che parrebbero essere stati importate prive di bollini identificativi.

L’allerta, rilasciato a livello internazionale, richiede un controllo approfondito di tutte le partite in vendita dei suddetti farmaci, per identificare eventuali anomalie.

Si tratta di farmaci impiegati nella cura di patologie croniche e spesso gravi e sul mercato italiano attuale, ve ne è carenza.

L’allerta pertanto è massima e viene richiesta la massima attenzione al prodotto anche agli utilizzatori, che magari hanno acquistato il prodotto prima del comunicato.

Le segnalazioni

Federfarma dichiara di aver ricevuto già nei primi giorni diverse comunicazioni di partite di questi farmaci corrispondenti ai lotti indicati e sono già partiti i primi controlli

L’alert rapido diffuso riguarda la specifica anomalia di farmaci privi di bollino ottico.

Secondo Federfarma “qualora le confezioni presenti in farmacia non presentino elementi di criticità ma siano complete di bollino ottico, e regolarmente acquistate presso il proprio fornitore abituale, sono regolarmente vendibili”.

I farmaci sospetti

  • Cixane

Un anticoagulante prescritto per diversi tipi di patologie cardiache e di altra natura

  • Neupro

Il farmaco è utilizzato nel controllo del morbo di Parkinson

  • Vimpat

Un farmaco impiegato nella gestione dei casi epilessia

  • Spiriva

Questo farmaco viene prescritto nella cura della Bcpo (broncopneumopatia cronica ostruttiva).

Conclusioni

Massima attenzione quindi, come richiesto dal comunicato, qualora siate in cura con uno di questi farmaci.

Le autorità confermano comunque che per ora tutti i casi analizzati sono risultati positivi e in Italia ad oggi non sono state registrate anomalie

Potrebbero interessarti anche