Ferragosto: come organizzare la grigliata perfetta

images

Ferragosto è alle porte e cosa c’è di meglio che festeggiarlo con una bella grigliata tra amici? Prima di dare fuoco alle braci ed organizzare un barbecue a prova di chef, però è bene organizzarsi per tempo e seguire alcune semplici regole.

La grigliata estiva, per noi italiani, è soprattutto di carne, ma se invitiamo molti amici possiamo accontentarli tutti proponendo anche pesce e verdure.

Loading...

Prima di accendere il fuoco, dunque, è bene pensare alla spesa. La carne – possibilmente made in Italy  – sarà la grande protagonista: scegliete tagli diversi di maiale (costine, salamelle, pancetta e salsiccia) e manzo (il top è la carne di Chianina, Maremmana, Marchigiana, Romagnola e Podolica) e non scendete a compromessi con la qualità.

Se volete potete aggiungere alette o fusi di pollo e costine di agnello (dal sapore vivace ed intenso).

Per quanto riguarda il pesce (che dovrà essere freschissimo) potete dare libero sfogo alla vostra fantasia.  Se i pesci interi non sempre sono facili da gestire potete optare per il pesce azzurro (sarde, sgombri, acciughe, aringhe, tonnetti…) e tranci di salmone, tonno e pesce spada. Non dimenticate poi i crostacei: gamberi, gamberoni, granchi ed aragoste (sono gustosi e veloci da preparare).

Infine, le verdure. Zucchine, melanzane e peperoni la fanno da padrone, ma si possono aggiungere carciofi, pomodori ramati e radicchio.

I diversi tagli di carne dovranno essere marinati adeguatamente. In questo modo, non solo saranno più teneri, ma anche più gustosi e sfiziosi. I procedimenti per ottenere una marinata perfetta sono diversi. C’è chi si limita al tradizionale mix di olio, spezie (o erbe aromatiche), limone e sale e chi osa la birra o lo yogurt aromatizzato (con erbe o paprika). Per quanto riguarda i tempi di marinatura, gli addetti al lavoro consigliano “4 ore la carne di manzo, dalle 2 alle 4 invece quelle di maiale e di pollo”.

Per esaltare il sapore della carne e  della pesce potete preparare (o acquistare al supermercato!) delle salse: barbecue, maionese, tartara, senape o, perché no?,  guacamole.

Barbecue a legna o a gas? Questo è il dilemma. L’ideale è il barbecue a legna in quanto quello a gas è di facile manutenzione, ma stravolge il sapore della carne e non sempre assicura un’ottimale cottura.

Per quanto riguarda il quantitativo di carbonella da utilizzare, tutto dipende dalla famigliarità con la brace e, ovviamente, con la quantità di carne e pesce da cucinare. Se cucinate per 4/5 persone sono sufficiente 3 o 4 kg di carbonella.

Carne, pesce e verdure alla griglia cuociono velocemente. Accendete il fuoco con un anticipo di 30/35 minuti: durante quest’arco di tempo la carbonella si trasformerà in brace e potrete cucinare senza abbrustolire o bruciare gli alimenti.

Come si accende la brace? Semplice, si dispone un fondo di carbonella (dell’altezza di circa 3 cm) e ci si aiuta con della “diavolina” o dei rametti sottili.

Quando notate che la brace sta per spegnersi, ricorrete al rabbocchino: “create un braciere staccato in cui far arrivare alla corretta temperatura la brace da aggiungere”.

Quando cucinate, mantenete la giusta temperatura ed evitate il contatto con il fuoco. La regola base è: “fiamma bassa e braci lontane.”

Infine, è bene ricordare che se vuole organizzare una grigliata di ferragosto all’aperto è necessario individuare il luogo ideale (attenzione al rischio incendio!) e procurarsi l’attrezzatura adeguata (con un piano d’appoggio stabile e sicuro). Inoltre, non lasciate mai il vostro barbecue incustodito e fate in modo che i piccoli ospiti non vi si avvicinano.

Ovviamente, al termine della vostra grigliata spegnete con cura il barbecue e pulite in maniera accurata la griglia.

Potrebbero interessarti anche