Fmi: “Rischio recessione per Italia, Franca, Germania e GB”

Il Fondo Monetario Internazionale ammettte il rischio recessione

Il conflitto russo-ucraino avrà conseguenze economiche severe. A dichiararlo è il Fondo Monetario Internazionale (FMI) che ha anche specificato che i paesi che avranno più a che fare con la situazione in atto saranno Francia, Italia, Regno Unito. Tutti paesi che hanno relazioni bilaterali e commerciali molto forti con la Russia.

Alfred Kramer, responsabile del Fondo Monetario in Europa, ha affermato che il Vecchio Continente sarà quello che subirà le maggiori cnseguenza in termini del Pil.

- Advertisement -

FMI: “Rischio recessione sempre più concreto

Per “alcune delle più grandi economie europee come Francia, Germania, Regno Unito e Italia è prevista una crescita trimestrale molto debole; o addirittura negativa alla metà del 2022“, rileva il report del Fondo Monetario Internazionale.

Questa “battuta d’arresto della ripresa è nascosta nelle previsioni di crescita annuali” che risentono del rimbalzo dell’ultima fase del 2021. Il Fmi ha inoltre previsto una sostanziale decrescita del Pil del nostro paese. Quest’anno toccherà i +2,3%, +1,7% il prossimo e +1,3% nel 2024. Il responsabile del Dipartimento Ue del Fmi, Alfred Kammer, precisa: economie come “Francia, Germania, Italia e Gb sono previste crescere a malapena o anche contrarsi per due trimestri consecutivi quest’anno“, innescando quindi la cosiddetta “recessione tecnica”.

Ucraina è Ucraina

Dal 27 al 31 maggio il Circolo Filologico Milanese e Associazione Boristene presentano, nella prestigiosa sede della sala Liberty del Circolo Filologico Milanese, la manifestazione Ucraina...