Focus immobiliare, scopriamo insieme il muto on line

scelta-mutuo-online

La branca dell’economia che si occupa di prestiti, mutui e forme di credito in generale è molto importante al fine della crescita economica di uno stato e questo perchè finanziare privati (siano essi cittadini o imprese) per garantire loro una basa di partenza su cui impiantare un’attività farà circolare moneta e la moneta, si sa, è ciò che smuove l’economia. Nel grande panorama creditizio abbiamo scelto di analizzare in questo articolo il mutuo on line.

L’argomento del mutuo on line, per quanto sia sicuramente conosciuto a grandi linee da molte persone può risultare ostico per neofiti ragion per cui partiamo dalle basi: per mutuo si intende un finanziamento concesso abitualmente per consentire l’acquisto di un’abitazione o più in generale per l’acquisto di un bene immobile. Per far sì che questa operazione si realizzi c’è bisogno di un ente che faccia credito, solitamente a provvedere a questo compito ci pensano le banche, gli istituti di credito o società finanziarie.

Loading...

Queste istituzioni nel concedere i prestiti stabiliranno un piano di rimborso scandito con quote fisse chiamate “rate”, tali rate non sono altro che una parte del capitale prestato e che va restituito all’ente finanziante; esse comprenderanno gli ammortamenti progressivi del capitale (procedimento che ripartisce il costo pluriennale tra gli esercizi di vita utile del bene facendolo partecipare per quote alla determinazione del reddito dei singoli esercizi) e interessi predeterminati (il cosiddetto tasso fisso) oppure con quote di ammortamento e interessi variabili (il tasso variabile).

Come si espone ING Direct le rate del mutuo on line possono essere mensili, trimestrali o semestrali, la scelta verrà concordata al momento della firma del contratto. I prestiti concessi durano sempre un lasso di tempo ben determinato che verrà concordato al momento della cessione del credito tra ente finanziario e cliente; solitamente il lasso temporale oscilla da un minimo di cinque anni fino ad arrivare ad un massimo di 30 anni; è bene precisare che ci possono essere delle eccezioni di alcuni enti che riescono a coprire un arco temporale più esteso raggiungendo anche un periodo di 50 anni.

Il mutuo on line per natura non copre il 100% del valore dell’immobile, ma raggiunge circa l’80% del valore complessivo, ma anche qui ci possono delle rare eccezioni di banche che coprono anche il 100%, ma tale copertura richiede delle garanzie e delle condizioni molto particolari. Dal momento che l’offerta è rivolta ad un pubblico vasto, la struttura di un mutuo non è fissa ma si può presentare in più formule, tutte queste però presentano dei tratti comuni che rendo tale il mutuo: tasse di interesse prescelto, durata temporale, tipo di garanzia aggiuntiva oltre quella ipotecaria.

Una diversificazione fondamentale si può senz’altro trovare nella scelte del tasso di interesse applicato al mutuo on line, qui di seguito vi forniamo alcuni esempi pratici: contratto a tasso fisso, contratto a tasso variabile, contratto misto e contratto con tasso d’ingresso. Anche il rimborso del prestito ricevuto avviene secondo diverse tipologie o “piani di rimborso”, Fra le varie forme esistenti ce ne sono alcune più diffuse di altre e sono quelle che qui di seguito vi proponiamo: ammortamento alla francese (ogni rata prevede una quota capitale ed una quota interesse, queste saranno crescenti per il capitale e decrescente per gli interessi), ammortamento a rate crescenti e ammortamento libero.

Dei tre l’ammortamento libero è quello che lascia più spazio al cliente il quale dovrà rimborsare la cifra ottenuta a prestito senza un piano predefinito purchè la somma sia resa entro l’arco temporale prestabilito. Quelle qui fornite sono delle indicazioni generali sui mutui che potranno tornare utili ai neofiti.