Garcinia Cambogia, usi, benefici e precauzioni.

Un naturale regolatore dell'appetito e del peso corporeo

Sempre più  spesso si sente parlare di una pianta definita “miracolosa” per perdere peso, alleviare la stanchezza e aumentare l’energia:
la Garcinia Cambogia.

Parliamo di una pianta officinale subtropicale appartenente alla classe delle Clusiaceae, a cui appartiene anche l’iperico, e che  ha origine prevalentemente in Pakistan, India e Iran.

Ha  forma di una bacca con una corona di foglie e la sua pianta può  addirittura arrivare ai 7/8 metri di altezza!

Loading...

I fiori risultano essere più  piccoli dei frutti che hanno una consistenza carnosa e al loro interno contengono 3/5 semi ricoperti da una polpa di colore giallo, succosa e molto dolce.

I suoi frutti in alcune località, sono conosciuti come Tamarindi.
Nel suo paese di origine questa pianta viene prevalentemente coltivata per produrre marmellate, varie conserve e fatta essiccare diventa uno degli ingredienti del curry che oggi tutti noi abbiamo imparato a conoscere e usare sulle nostre tavole.

La sua buccia in Asia viene usata per le sue grandi proprietà antiossidanti che la rendono una pianta versatile e dai molti usi.

Gli usi della Garcinia

Resa celebre da un noto medico e conduttore tv Americano la Garcinia ha ben presto raggiunto il commercio mondiale divenendo la base di varie preparazioni per la perdita di peso, aumentare la sensazione di sazietà  e aiutare nel mantenimento dell’obiettivo raggiunto.

In commercio, sia in erboristeria che online, possiamo infatti trovarla in varie forme.
Compresse, tavolette orosolubili, sciroppi, bustine, capsule masticabili e prodotti Spray.
Da sola o associata ad altre erbe e sostanze dimagranti è  diventata il fiore all’occhiello di moltissime ditte che vendono integratori  in tutto il mondo.

Una cosa che però non tutti sanno è che oltre a far perdere peso è  una valida alleata nel controllo del livello di zuccheri nel sangue, nel controllo del colesterolo, un valido antiossidante per articolazioni e muscoli e aiuta la digestione.

Le dosi di assunzione, del prodotto al naturale,  sono  di 500mg da 30 a 60 minuti prima dei pasti principali.

Diverse correnti di pensiero e studi hanno portato alla luce il fatto che il business legato a questa pianta possa essere la base del suo successo e del suo utilizzo per la creazione di integratori in associazione a zinco, magnesio, ferro e potassio e altri agenti dimagranti.

Non esistono vere e proprie controindicazioni, sempre se vengono rispettati  i parametri di assunzione.
È  stato dimostrato che non a tutti coloro che l’assumono porta i benefici sopra descritti.

Si consiglia, tuttavia,  di non superare i 1000mg al giorno, questo potrebbe portare a disturbi gastrointestinali  più  o meno severi, con conseguente disidratazione.

Secondo gli usi tradizionali

Gli abitanti delle zone in cui cresce questo frutto erano soliti utilizzare le scorze essiccate come rimedio naturale per i problemi di stomaco. Ciò è reso possibile grazie alla presenza nella buccia dell’acido idrossicitrico (HCA) un derivato dell’acido citrico che va a inibire l’azione della citrato liasi, limitando la quantità di calorie che vengono immagazzinate sotto forma di grassi di deposito. Da qui l’utilizzo della Garcinia Cambogia come integratore in alcune diete per perdere peso.

Acido Idrossicitrico: le proprietà

  • Rilascio di serotonina, ormone che va a diminuire e sopprimere l’appetito.
  • Agisce sui grassi e riducendo la sintesi dei carboidrati in eccesso svolge un’azione attenuante dei livelli di colesterolo e trigliceridi
  • Stimola il fegato nella trasformazione di glucosio in glicogeno (la fonte energetica principale di muscoli e del fegato stesso), aumentando così la presenza di energia immediatamente disponibile all’interno dell’organismo
  • Non presenta effetti collaterali

Inoltre l’acido idrossicitrico svolge funzioni di gastroprotettrice, per cui viene utilizzato nella preparazione di farmaci contro il reflusso e l’acidità di stomaco.

La perdita di peso con l’utilizzo di questa pianta officinale è del tutto soggettiva.
Associata  ad uno stile di vita sano, con sport e alimentazione equilibrata i risultati possono essere veramente importanti.
Si raccomanda, prima di assumerla, di parlare con il proprio medico soprattutto in presenza di patologie cardiovascolari, immunitarie e a carico del sistema nervoso.