Il gioco d’azzardo online, business in crescita: è il divertimento preferito dagli italiani

gioco_azzardo

Scommettiamo che il giocare d’azzardo online – in inglese gambling online – non solo va fortissimo in Italia, ma addirittura rappresenta un business? Congratulazioni, abbiamo vinto! Esso è diventato il divertimento preferito dagli italiani e i numeri dei primi 5 mesi del 2016 lo dimostrano: slot machines e poker in versione torneo hanno riscosso ancora più successo che nello scorso anno ed il boom delle scommesse è destinato ad aumentare ancora – molti storceranno il naso, ma si calcola che in generale il gioco d’azzardo sia tra le industrie più potenti nel nostro Paese, in Europa e nel mondo.

Nel mese di maggio quelli che sono dei veri e propri casinò online, hanno fatto registrare una spesa di 34,7 milioni, il 30,3% in più rispetto ai 26,6 milioni dello stesso mese del 2015 e in tutto nei primi 5 mesi del 2016 si è avuta una spesa di 174,9 milioni di euro, contro i 128,9 milioni dello scorso anno, per una crescita del +35,6%. A maggio il poker in versione torneo ha avuto una spesa di 6,1 milioni di euro, contro i 5,7 milioni registrati nel 2015 (+7,7%), mentre tra gennaio e maggio 2016 ha fatto registrare una spesa di 38,4 milioni, contro i 32,4 milioni dello stesso periodo dello scorso anno ( +18,6%). Diminuisce, invece, per il poker cash: a maggio ha avuto una spesa di 5,9 milioni, contro i 6,6 di dodici mesi prima (-9,6%) e la spesa complessiva dei primi cinque mesi di quest’anno è stata di 32,6 milioni, mentre nel 2015 è stata di 38,7 (- 15,7%). Il successo dei casinò online ha addirittura portato ad una (leggera) crisi per i casinò del mondo reale.

Loading...

Sono stati usati anche tanti piccoli “trucchi” per avvicinare gli internauti, come offerte di bonus di benvenuto promettendo ai giocatori di aumentare l’omaggio. Anche la grafica – che richiama l’atmosfera di Las Vegas, utilizza soggetti del fumetto e del cinema – ed il miglioramento dei siti a livello tecnologico, invogliano a “rischiare”.  Si cerca il rinnovamento rapido per attirare i giocatori. Ciò si verifica soprattutto con le slot machines, ma si è anche avuto un rilancio di roulette e blackjack. Così sembra di essere davvero di fronte ad un vero tavolo verde e non nel mondo virtuale.

Attenzione, però: visto il crescente successo del gambling online, sono aumentate anche le sue regolamentazioni – regolamentazioni cominciate con il Decreto del Presidente della Repubblica  n.169/98 che riguarda anche le scommesse ippiche, le quali possono essere effettuate anche per telefono o per via telematica: tale decreto comporta la loro accettazione a distanza da parte dei concessionari; poi con il Decreto del Ministero delle Finanze n.156/01 si autorizza l’accettazione a distanza di tutti i giochi, prima avvenuta in via sperimentale e poi effettiva –. Il boom dei giochi online inizia nel biennio 2003/2005 ed il 21 marzo 2006 viene emanato il Decreto Direttoriale che è andato a sostituire la precedente normativa sulle corse ippiche, disciplinando non soltanto le scommesse ma anche il bingo e le lotterie. Tutto avviene sotto la supervisione dell’AAMS (Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato), un organo del Ministero dell’Economia e delle Finanze incaricato di gestire le licenze per il gioco d’azzardo e successivamente assorbito dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Dopo la maturità classica, mi sono laureata all'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano in Scienze dell'Educazione, con una tesi in Pedagogia Interculturale dal titolo "Donna e Islam: la questione del velo". Scrivo per diverse testate on-line come "Al-Maghrebiya", "Ebraismo e dintorni", il blog del "Legno Storto" su argomenti riguardanti il mondo arabo e islamico, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il Medio Oriente, Esteri, immigrazione e integrazione. Ho scritto due racconti: "Dopo la notte" (Il Filo, 2009) e "Soltanto una donna" (Albatros - Il Filo, 2011).