Google Maps: “Luoghi accessibili” anche in Italia

Google Maps: l’icona con il simbolo blu per attività e ritrovi in funzione anche in Italia

Basterà attivare l’impostazione “Luoghi accessibili” dall’app Google Maps per verificare, nel profilo di una determinata attività o evento, se l’ingresso sia accessibile a tutti. La nota icona blu di una sedia a rotelle per il “SI”, un simbolo barrato per il “NO”.

Lo spiega chiaramente il Team di Google: “Per aiutarvi a pianificare i futuri spostamenti, potete vedere se un determinato locale ha posti a sedere, servizi igienici e parcheggio accessibili. Grazie alle informazioni fornite dai proprietari delle attività commerciali e ai contributi della comunità di Google Maps, questa funzione può essere utile anche se si vogliono evitare le scale perché si ha un passeggino, un bagaglio o si utilizza un carrello“.

- Advertisement -

Facilissimo anche l’aggiornamento: basterà cliccare il profilo dell’attività che si desidera modificare e poi agire su “Informazioni”, quindi “Modifica caratteristiche” e lì si potranno inserire gli ulteriori dettagli sul livello di accessibilità per le rotelle o altri impedimenti.  

Oltre 1 miliardo di aggiornamenti da Local Guides e proprietari di attività commerciali

“Luoghi accessibili” è stata resa possibile dal contributo di oltre 120 milioni di Local Guides, ovvero le community  che ospitano utenti da ogni angolo del mondo con il compito di recensire luoghi, città, monumenti o attività, insreire foto, aggiungere o eventualmente correggere luoghi all’interno di Google Maps, rispondere ai quesiti posti da altri utenti e verificare i fatti descritti. A questi, si aggiungono i proprietari di attività commerciali desiderosi di fornire quante più informazioni precise sui propri servizi. Oltre un miliardo, gli aggiornamenti sull’accessibilità delle sedie a rotelle alla piattaforma di navigazione.

- Advertisement -

Nel 2019, era arrivata in Italia l’opzione “accessibilità in sedia a rotelle” per visualizzare, su Google Maps, i percorsi accessibili da un punto di partenza ad una destinazione, sotto la voce di menu relativa ai mezzi pubblici.

La funzionalità “Luoghi accessibili” era già presente in Australia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti fin dal 2020.