Insegnante 32enne morta per trombosi: vaccinata con AstraZeneca. Sileri: “Per ora nessuna prova del nesso”

SIleri: "Presto per dire se ci siano nessi, ma l'Ema si esprima sul nesso di causalità, soprattutto perché le trombosi sembrano verificarsi principalmente in soggetti di sesso femminile e di bassa età"

È morta a soli 32 anni l’insegnante genovese che il 22 marzo aveva ricevuto la prima dose del siero vaccinale AstraZeneca, l’esordio della sintomatologia è avvenuto il giorno 2 aprile.

La giovane donna è arrivata in ospedale con un quadro trombotico complicato e le sue condizioni sono apparse gravi sin da subito. Come riportato da TGCom, l’ospedale ha fatto sapere che: “è iniziata alle 9:44 (di domenica) l’osservazione di sei ore per la conferma di stato di morte cerebrale per la paziente, che era ricoverata presso la nostra Rianimazione”.

- Advertisement -

Sileri specifica che “è presto per dire che a Genova ci sia un nesso causa-effetto. Dobbiamo affidarci alla farmacovigilanza per avere una base scientifica. Si tratta di una donna giovane e questa complicanza della trombosi, nei rari casi in cui si è manifestata, è stata notata soprattutto nel genere femminile e in una fascia d’età bassa”

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.