Come investire in borsa: una breve guida

trading-binarioMa cosa significa esattamente investire in borsa? In pratica attraverso vuol dire acquistare delle quote di capitale sociale di un’azienda (appunto quotata in borsa) e guadagnare di conseguenza in base alle variazioni di quotazione del titolo sottostante, non solo, gli azionisti hanno inoltre il diritto di ricevere alla fine dell’anno un dividendo, ovvero una quota degli utili proporzionale al valore dell’azione.

Il valore dell’azione dipende dal rendimento atteso sotto forma di dividendi, insieme ad elementi come le prospettive future ed elementi di carattere generale, come ad esempio, lo stato dell’economia attuale.

Chi può investire in borsa?

Anche se al giorno d’oggi può sembrare davvero molto semplice investire in un titolo azionario (ma anche in valute, indici etc…), grazie anche alle innumerevoli piattaforme di trading online è allo stesso tempo molto rischioso affrontare il trading senza un minimo di formazione. Ottenere delle perdite nel trading online è sicuramente molto più facile che ottenere guadagni. E’ bene capire che non ci si improvisa investitori in borsa, bisognerà avere un discreto numero di conoscenze sul mercato azionario e sul funzionamento dei software (piattaforme) che vi permettono di poter investire da casa.

Loading...

Tuttavia, negli ultimi anni, è diventato sempre più facile investire in borsa, grazie anche al numero di strumenti messi a disposizione dai broker di trading online.

Il primo consiglio che ci sentiamo di darvi è quello di studiare il funzionamento del mercato azionario e cercare di seguire i consigli del esperti per comprenderne a fondo il meccanismo che sta alla base delle oscillazioni e dei movimenti delle quotazioni azionarie.

Come cominciare

Uno dei modi classici per cominciare a piccoli passi nel trading era il paper trading, ovvero attraverso un foglio excel che simulavano degli ipotetici investimenti in borsa senza utilizzare denaro reale, per così capire se le proprie strategie portavano risultati.

Oggi è invece di uso comune effettuare una registrazione presso un broker che offre una piattaforma demo è investire con il proprio computer senza dover trascrivere il tutto su un foglio di calcolo.

Elementi da valutare prima di investire

Prima di cominciare ad investire in borsa, bisogna tenere in considerazione la propria tolleranza al rischio, il livello di conoscenza riguardo al trading e il proprio budget a disposizione. Non ha senso avventuarsi alla cieca in un sistema così complesso e rischioso come quello degli investimenti azionari.

Da dove iniziare

Per acquistare azioni basta individuare un broker fidato e regolamentato, che offra la possibilità di eseguire ordini di acquisto e vendita su azioni, indici, forex e quant’altro.

Fatto questo sarà importante valutare anche il tipo di strategia di trading che volete attuare, di breve durata o di lunga durata, da questo dipenderà un altro degli aspetti da valutare, ovvero, le commissioni per ogni singola operazione.

Valutate le spese

Le commissioni e le spese vanno valutate attentamente, in quanto andranno ad intaccare la percentuale di rendimento. I costi, quando si parla di azioni, riguardano, oltre alle commissioni:

  • la differenza tra prezzo di vendita e di acquisto (lo spread);
  • la differenza tra il prezzo inserito nell’ordine di acquisto o vendita e il prezzo reale a cui è stato eseguito (slippage);
  • la tassazione applicata.

E’ consigliabile per un investitore “in erba” curare la diversificazione. Non bisogna avere fretta motivo per cui sarebbe bene investire in un’ottica di lungo periodo (almeno 5 anni) e con regolarità, dando tempo ai propri investimenti di svilupparsi. Allo stesso tempo, è bene valutare sempre le nuove informazioni e se necessario fare delle modifiche al proprio portafoglio azionario.