La genetica alla base della predisposizione delle infezioni da Covid-19

Gli scienziati suggeriscono che la storia immunologica degli individui possa svolgere un ruolo nella risposta delle cellule T e nella successiva attivazione dei linfociti B che possono produrre anticorpi neutralizzanti fortemente mirati


Il sistema immunitario risponde agli agenti patogeni invasori producendo anticorpi volti a intercettare e neutralizzare l’agente patogeno “, ha detto Zanetti. “La produzione di anticorpi contro le proteine ​​richiede una cooperazione produttiva tra il linfocita T e il linfocita B, che devono entrambi riconoscere le sequenze antigeniche adiacenti avviate dall’MHC sui linfociti B. Le sequenze peptidiche in stretta vicinanza impegnano le due cellule in modo preferenziale e non casuale.

L’MHC funge da collegamento tra i linfociti T e B in questo processo Sulla base di questo ragionamento, i ricercatori hanno analizzato computazionalmente tutti i possibili frammenti della proteina spike RBM, che è un fattore scatenante sia per la risposta immunitaria umana che per l’attività del vaccino, in connessione con le oltre 5.000 diverse molecole MHC rappresentate nella popolazione umana globale. Con loro sorpresa, gli autori hanno scoperto che la propensione media dell’MHC a visualizzare i peptidi derivati ​​da RBD è bassa.

- Advertisement -

Poiché il legame MHC è una misura indiretta della probabilità che la cellula T venga attivata e stimoli il linfocita B a produrre anticorpi contro l’RBM, gli autori hanno affermato che ne consegue che la produzione di anticorpi specifici per l’RBM potrebbe essere ostacolata dal cattivo adattamento queste parti del virus all’MHC. “Questo potrebbe quindi portare a risposte anticorpali neutralizzanti più scarse”, ha detto il primo autore Andrea Castro, un membro del laboratorio di Carter. “E nel caso di SARS-CoV-2, la scarsa presentazione di frammenti chiave RBD da parte di molti alleli MHC potrebbe rappresentare un ostacolo alla produzione di anticorpi neutralizzanti diretti contro l’RBM”. Gli scienziati suggeriscono che la storia immunologica degli individui possa svolgere un ruolo nella risposta delle cellule T e nella successiva attivazione dei linfociti B che possono produrre anticorpi neutralizzanti fortemente mirati.

Le potenziali implicazioni dello studio sono duplici, ha detto Carter. “Uno è che la capacità di generare anticorpi con una potente attività di neutralizzazione può variare considerevolmente da individuo a individuo all’interno della popolazione generale, riflettendo la grande diversità genetica dell’MHC. L’altro è che la mancanza di un’efficace cooperazione tra i linfociti T e B può influire sulla longevità delle risposte anticorpali neutralizzanti nelle persone infette”. Gli autori fanno notare che diversi studi hanno riportato che gli anticorpi neutralizzanti nelle persone infette (pazienti ospedalizzati, operatori sanitari e individui convalescenti) diminuiscono entro tre mesi.

- Advertisement -

A queste considerazioni, si può aggiungere l’impatto delle mutazioni appena scoperte nel RBM “come quelle nel Regno Unito, nelle varianti sudafricane e brasiliane del virus “, ha detto Zanetti. La topologia delle mutazioni in queste nuove varianti è indicativa di un’ulteriore potenziale rottura del relè immunologico tra i linfociti T e B, con un ulteriore impatto negativo sulla capacità degli individui nella popolazione globale di generare risposte anticorpali neutralizzanti di alta qualità e di lunga durata contro SARS-CoV-2

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.