La malattia trasmessa dal morso delle zecche: cura e sintomi

La scoperta del VH3-48 offre la speranza di un vaccino TBE più efficace

L’encefalite trasmessa da zecche è una malattia tanto brutta quanto sembra. Una volta morsi da un una zecca infetta, alcune persone sviluppano sintomi che si risolvono tranquillamente ma lasciano dietro di sé la malattia neurologica dilagante: gonfiore cerebrale, perdita di memoria e declino cognitivo. I casi sono in aumento nell’Europa centrale e in Russia con circa 10.000 incidenti segnalati ogni anno. I vaccini possono fornire protezione, ma solo per un periodo di tempo limitato. Non c’è cura.  

I morsi di zecca possono causare sia la malattia di Lyme che l’encefalite trasmessa da zecche.

- Advertisement -

Ora un nuovo studio descrive gli anticorpi in grado di neutralizzare il virus trasmesso dalle punture di zecca. Questi cosiddetti anticorpi ampiamente neutralizzanti hanno mostrato promesse nel prevenire il TBE (encefalite trasmessa da zecche) nei topi e potrebbero informare lo sviluppo di vaccini migliori per l’uomo. Inoltre, i risultati preliminari suggeriscono che gli anticorpi possono non solo prevenire l’encefalite trasmessa da zecche, ma anche trattare la condizione, così come il virus Powassan correlato che emerge negli Stati Uniti. 

L’autrice principale Marianna Agudelo e i colleghi del laboratorio di Michel C. Nussenzweig di Rockefeller hanno esaminato quasi 800 anticorpi ottenuti da individui che si erano ripresi dal TBE o erano stati vaccinati per prevenire l’infezione. Gli anticorpi più potenti, designati VH3-48, si sono rivelati più adatti a respingere le infezioni future. Hanno scoperto che VH3-48 ha neutralizzato le varietà coltivate in laboratorio del virus TBE, così come altre malattie trasmesse da zecche tra cui langat, Louping ill, febbre emorragica Omsk, malattia della foresta di Kyasanur e virus Powassan. 

- Advertisement -

I ricercatori hanno anche dimostrato che questi potenti anticorpi non sono comuni; infatti, la maggior parte degli anticorpi prodotti dall’uomo esposti al virus TBE sono di qualità inferiore, con gli ambiti anticorpi VH3-48 che fanno solo apparizioni occasionali. Inoltre, i pazienti vaccinati nello studio non sono riusciti a sviluppare alcun anticorpo VH3-48. “Ci si aspetterebbe che gli anticorpi più diffusi siano i migliori in assoluto, ma non è quello che abbiamo trovato nel TBE”, afferma Agudelo. “Questo può spiegare come il virus inganna il sistema immunitario, disorientandosi erroneamente nella produzione di anticorpi inferiori.” 

La scoperta del VH3-48 offre la speranza di un vaccino TBE più efficace. I vaccini attuali richiedono tre dosi distanziate nell’arco di due anni e forniscono solo circa cinque anni di protezione prima che sia necessario un richiamo. I vaccini di nuova generazione costruiti per convincere il corpo a produrre il raro anticorpo VH3-48 potrebbero essere più potenti, richiedere meno colpi di richiamo e anche rivelarsi protettivi contro un certo numero di virus trasmessi da zecche.  

- Advertisement -

“Un vaccino come questo non sarebbe solo più sofisticato, ma anche più mirato“, affermano Michel C. Nussenzweig, lo Zanvil A. Cohn e Ralph M. Steinman, “Ora che abbiamo le strutture di questi anticorpi, sappiamo cosa mirare per progettare vaccini più efficaci.” 

Gli anticorpi ampiamente neutralizzanti possono anche fornire il primo trattamento specifico per il TBE. Nussenzweig, Agudelo e colleghi hanno scoperto che i topi infetti da TBE si riprendono dopo aver ricevuto la terapia anticorpale, anche se resta da vedere se questa scoperta si tradurrà nell’uomo.

“Il prossimo passo è uno studio clinico con gli anticorpi”, afferma Nussenzweig, “forse in Europa dove ci sono molti casi, per vedere se possiamo migliorare i sintomi di coloro che soffrono di encefalite”.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.