Le aree più soleggiate hanno tassi di mortalità COVID-19 inferiori

Il sole influisce?

Come potrebbe la luce solare frenare COVID-19?

Secondo il gruppo di Weller, una possibile spiegazione è che l’esposizione al sole induce la pelle a rilasciare una sostanza chimica chiamata ossido nitrico. Alcuni studi di laboratorio hanno scoperto che l’ossido nitrico può ridurre la capacità del nuovo coronavirus di replicarsi e diffondersi. Gli autori dello studio stanno pianificando di proseguire con ulteriori ricerche su questa teoria.

- Advertisement -

Precedenti ricerche dello stesso team hanno scoperto che una maggiore esposizione alla luce solare è associata a una migliore salute del cuore, pressione sanguigna più bassa e meno infarti. La Cardiopatia è un noto fattore di rischio di morte per COVID-19, quindi la ricerca passata potrebbe anche aiutare a spiegare le nuove scoperte.

Due esperti COVID-19 negli Stati Uniti hanno convenuto che i risultati erano interessanti, ma meritavano ulteriori studi.

- Advertisement -

“La ricerca non stabilisce una causa ed effetto e rappresenta al meglio un’associazione”, ha sottolineato il dottor Robert Glatter, medico di medicina d’urgenza presso il Lenox Hill Hospital di New York City. Non era sorpreso che alla vitamina D non fosse attribuito alcun beneficio per la salute.

“Mentre ci sono prove che la vitamina D può avere effetti benefici sulla funzione immunitaria, uno specifico effetto antivirale rimane non dimostrato in questo momento”, ha detto Glatter. “In effetti, uno studio controllato randomizzato su persone con COVID-19 da moderato a grave che hanno ricevuto vitamina D ad alte dosi non ha dimostrato alcun beneficio”.

- Advertisement -

Il dottor Amesh Adalja, studioso senior presso il Johns Hopkins Center for Health Security, a Baltimora, è un esperto di virus. Ha detto che la ricerca solleva domande interessanti, ma l’ipotesi dell’ossido nitrico necessita di ulteriori studi.

“Mettendo insieme quel collegamento per mostrare il meccanismo di come questo accade, penso che sia il fine per dimostrare che c’è anche un beneficio indipendente dalla vitamina D della luce solare”, ha detto Adalja.

FONTI: Amesh Adalja, MD, studioso senior, Center for Health Security, Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, Baltimora; Robert Glatter, MD, medico di medicina d’urgenza, Lenox Hill Hospital, New York City; British Journal of Dermatology.

Lorita Russo
Lorita Russo
Social media specialist, Seo Specialist, specializzata in tecnologia, scienza e cucina. Sono un influencer e reviewer, amante della lettura umanistica e dei problemi sociali. Ho un sito di cucina Facili idee e il gruppo Facebook che conta ben 150 mila follower