Le giraffe si stanno estinguendo nel silenzio

Sono sempre di meno gli esemplari di questo maestoso animale con il collo lungo.

Le giraffe, i maestosi e pacifici animali dal collo lungo, si stanno lentamente estinguendo nel silenzio generale: le organizzazioni per la tutela degli animali e dell’ambiente hanno lanciato l’allarme per il progressivo calo del numero di esemplari e per la distruzione del loro habitat naturale.

Anche le Nazioni Unite hanno deciso di includere le giraffe nella lista delle specie più a rischio di estinzione, la famosa Red list of threatened species che a causa dei cambiamenti climatici e dell’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali da parte degli esseri umani si sta allungando sempre di più.

Nel caso delle giraffe il calo nel numero degli esemplari è stato del 40% dagli anni ’80 ad oggi, una riduzione significativa che mette a rischio non solo le stesse giraffe ma anche l’intero ecosistema in cui questi immensi animali vivono.

Loading...

Soprattutto in Africa, continente in cui si concentra la stragrande maggioranza delle giraffe, la caccia di frodo, l’eccessivo sfruttamento agricolo dei terreni e una urbanizzazione senza controllo stanno riducendo di molto l’habitat naturale di questi animali dal collo lungo e la lingua capace di mangiare anche i rami più spinosi. Il taglio degli alberi di cui le giraffe si nutrono e l’appropriazione dei terreni per usi agricoli e di pascolo per animali da reddito come le mucche e le capre stanno lentamente cacciando le giraffe dai loro territori fino a decretare la loro lenta estinzione.

Nella lunga lista delle specie a rischio non ci sono solo le giraffe, ma anche tante altre specie che sono sempre più minacciate dall’inquinamento e dai cambiamenti climatici causati dagli esseri umani che stanno distruggendo inesorabilmente l’ambiente naturale.

La distruzione dell’ambiente naturale sta causando gravissimi danni all’intero ecosistema del nostro pianeta che è basato su delicatissimi equilibri tra prede e predatori: le distruzioni causate dall’uomo sono la prima causa di una lenta agonia che presto o tardi finirà per distruggere tutto il nostro bel pianeta azzurro con la sua variegata biosfera.

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com