Le modalità di pagamento della prima rata dell’IRES

iresL’IRES, ossia l’Imposta sul reddito delle società, è attualmente pari al 27,5 %, ma la Legge di Stabilità del 2016 ne ha previsto una riduzione al 24% a partire dal 2017 (mentre fino al 2007 l’aliquota ammontava al 33%).
Il versamento dell’IRES è regolato dal Testo unico delle Imposte sui Redditi.

La normativa a cui fare riferimento per il calcolo dell’IRES è contenuta all’interno del Decreto del Presidente della Repubblica del 22 dicembre del 1986 n. 917 (Titolo II), poi aggiornato da successive disposizioni e conosciuto, appunto, come Testo unico per le Imposte dui Redditi.

Chi sono i soggetti passivi dell’IRES?

I soggetti passivi dell’IRES, ossia coloro che sono tenuti al versamento dell’ imposta, sono:
– Gli Enti e le Società di capitali con residenza in territorio italiano che svolgono attività commerciale;
– Gli Enti e le Società di capitali che non risultano residenti in territorio italiano e che svolgono una parte della loro attività commericiale in Italia;
– Gli Enti non commerciali, ossia gli Enti pubblici e privati diversi dalle società, che risiedono in territorio italiano e non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di un’attività commerciale.
L’acconto corrispondente al codice tributo 2001 va versata entro il giorno 16 del sesto mese dell’esercizio.

Come si calcolano la base imponibile e l’imposta?

Loading...

Per chi calcola l’imposta con il metodo storico, si versa il 101,5% dell’IRES delle imposte dovute per l’anno precedente, calcolata sulla base dei valori esposti al rigo RN17 del Modello Unico SC 2015 e del rigo RN28 del Modello Unico ENC 2015.
In base al metodo previsionale, invece, è consentito procedere al versamento dell’imposta in misura inferiore qualora si presuma di conseguire un reddito inferiore a quello dell’esercizio precedente: va comunque tenuto presente che i soggetti che scelgono di utilizzare il metodo previsionale, devono successivamente verificare se l’importo versato sia sufficiente o meno, sulla base del reddito totale dell’esercizio.

La base imponibile corrisponde ai redditi prodotti in ogni esercizio dai soggetti passivi nell’ambito del normale svolgimento della loro attività d’impresa. E’ dunque il reddito complessivo netto, composto dai componenti positivi ed i componenti negativi di competenza dell’esercizio, come da bilancio.

A questo si applica la percentuale (attualmente ancora fissata al 27,5%), che tuttavia è ridotta al 16,5% per le cooperative, gli enti ecclesiastici, Ibap, società di mutuo soccorso ed enti ospedalieri.

Modalità di versamento dell’IRES

L’IRES va versato tramite il Modulo F24. Il saldo e l’eventuale primo acconto dell’IRES vanno versati entro il 16 del mese di giugno, per coloro che presentano il Modello Unico per la Dichiarazione dei Redditi.
Proprio per l’acconto dell’IRES viene utilizzato il Codice Tributo 2001, che corrisponde appunto alla prima rata.
Il modulo da utilizzare per il versamento è scaricabile gratuitamente dal sito web dell’Agenzia delle Entrate, in versione cartacea oppure compilabile direttamente online.

All’interno del modello è obbligatorio indicare in maniera esaustiva tutti i dati del soggetto che effettua il versamento, cioè
– il nome della società comprensivo di ragione sociale
– l’anno di riferimento
– il Codice tributo 2001 (in questo caso, appunto, dell’acconto IRES)
– l’importo dell’imposta
– la presenza di eventuali crediti d’imposta e la data del pagamento.

Potrebbero interessarti anche