Man in the High Castle: Amazon trasforma la Metro di NY

The-Man-in-the-Hig_3509323b[1]

È stata una grande sorpresa per i pendolari della metropolitana di New York, tra la Grand Central Station e Time Square. Infatti appena saliti sul treno hanno trovato i vagoni decorati con la bandiera americana, dove le stelle sono state sostituite dall’aquila che regge la croce di ferro, simbolo della germania Nazista, e dal sole nascente, simbolo dell’Impero Giapponese. Questo arredamento però non è stata ideata da un qualche nostalgico del Terzo Reich, ma dalla casa di produzione Amazon, che sta promuovendo la nuova serie televisiva The Man in the High Castle.

La serie, basata sull’omonimo romanzo di Philip K. Dick (in Italia intitolato La Svastica nel Sole), racconta di un America uscita sconfitta dalla Seconda Guerra Mondiale e divisa in tre zone: la costa atlantica sotto il dominio nazista; la costa del Pacifico controllata dall’Impero giapponese e l’area neutrale delle Montane Rocciose.

Loading...

Tuttavia questa idea di marketing ha trovato il disappunto di molti rappresentanti della politica americana. A mostrare il suo sdegno è stato il rappresentante democratico alla Camera Jeffrey DInowitz, che si chiedeva se su quel treno fosse salito un sopravvissuto all’Olocausto. Sulla stessa linea il sindaco di New York Bill De Blaso che ha dichiarato che questo tipo di pubblicità “sono irresponsabili ed offensive per i sopravvissuti della seconda guerra mondiale e dell’olocausto, per le loro famiglie e per tutti i newyorkesi”.

A difendere questa trovata pubblicitaria è stato Adam Lisberg, responsabile commerciale del servizio di trasporti americano, che ha spiegato come la campagna fosse perfettamente in linea con i loro standard, e che “ovviamente la pubblicità, piaccia o meno, pubblicizza uno show, non il nazismo”. Comunque la trovata pubblicitaria h avuto il suo scopo: far parlare della nuova serie televisiva.