Manovra di bilancio: è bocciatura europea

Incassato il colpo, il nostro governo tira avanti

bandiera europea

La commissione europea boccia la legge di bilancio italiana. Lo fa senza alcuna esitazione. Dall’altra parte l’Italia con in testa il premier  Giuseppe Conte, il leader della lega Matteo Salvini ed il vice premier Di Maio tirano dritto. “Se insistono a tirare schiaffoni a caso mi verrebbe voglia di dare più soldi agli italiani”, ha commentato così Salvini.

Quali sono le motivazioni?

Secondo quanto dichiarato della stessa Commissione europea, le misure adottate dal nostro Paese vanno contro i principi europei. Non garantiscono il mantenimento delle regole comuni ampiamente concordate nè tanto meno la stabilità della moneta unica. Il governo ha tre settimane di tempo per sistemare la manovra. Salvini e Di Maio hanno comunque già fatto sapere che non torneranno indietro. Il vice presidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, insieme al commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici hanno reso pubblico il diniego, la manovra va corretta, ma sono fiduciosi.

Quali sono stati gli effetti della bocciatura?

Il NO chiaro e tondo dell’Unione europea non è proprio piaciuto ai mercati finanziari. Ciò ha infatti comportato:

  • lo spread è arrivato a quota 320 punti;
  • il rendimento dei titoli di stato ha raggiunto il 3.6%;
  • la borsa di Milano ha chiuso negativamente;
Loading...

E  non sono mancate ovviamente le polemiche non sono a casa Italia, ma anche a livello europeo. Il leader della sinistra radicale in Francia, la France Insoumise,Jean-Luc Mélenchon ha difeso il nostro governo. Sua la dichiarazione: “Io preferisco difendere la sovranità popolare e il governo italiano. Per la prima volta la Commissione se la prende con il budget votato dal Parlamento di uno Stato che rispetta i trattati. Dal momento che non si tratta di rispettare i trattati, ma di una scelta di budget, si capisce che è una espropriazione della sovranità dei popoli, qualunque cosa pensiamo delle scelte che hanno fatto. Possiamo condannare le scelte politiche degli italiani, ma hanno il diritto di decidere quello che è il bene del loro Paese”. 

Cosa potrebbe succede adesso?

Qualora il nostro governo non decidesse per le opportune modifiche potrebbere succedere che:

  • si aprirebbe un contenzioso Roma-Bruxelles;
  • una procedura per squilibri macro-economici;
  • L’Italia potrebbe essere multata fino a 800 milioni di euro;
  • sospensione dei fondi strutturali e di investimento europeo.

Certo il rischio è alto, ma è giusta la volontà degli italiani e dei loro rappresentanti di non vedersi comandare in casa propria. Appoggio anche dal ministro dell’economia Tria che ha ampiamente spiegato la manovra. Le opposizioni ovviamente applaudono all’Unione Europea, ma poi per loro è davvero una vittoria? Attendiamo le tre settimane per sapere quali saranno gli esiti delle scelte del governo Lega-5 stelle.

 

 

 

Potrebbero interessarti anche