Musumeci chiede di requisire i vaccini alle multinazionali

La Sicilia intravede un spiraglio di luce. I Centri estetici: "Fateci riaprire"

La Sicilia torna a respirare dopo settimane di paura: la curva di contagi sembra finalmente aver avuto una brusca frenata, dopo giorni di innalzamento costante. Intanto, il Presidente Nello Musumeci ha rilasciato alcune dichiarazioni circa l’attuale situazione vaccini.

Durante la prima fase dell’emergenza pandemica, ai confini degli Stati si requisivano materie prime, mascherine e ventilatori. Oggi mi chiedo: perché non si pensa a requisire le fiale dei vaccini prodotte nei Paesi dell’Unione Europea? Non vorrei che, mentre oltreoceano il nuovo presidente Biden si dice pronto ai ‘poteri della guerra’ per la produzione dei vaccini, dalle parti nostre vi sia un atteggiamento remissivo nei confronti di multinazionali che non possono produrre da noi, firmare contratti con impegni precisi e poi, magari (ma spero non sia così!), vendere a prezzi maggiori dove meglio conviene. Requisire i vaccini delle multinazionali: è questo che gli italiani si aspettano.”

- Advertisement -

Dai centri estetici arriva poi un accorato appello: Fateci riaprire“. A farsi portavoce dei centri estetici è Lo Curto in un nota: “Sia consentito ai centri estetici di poter svolgere l’attività professionale anche in zona rossa. Le disposizioni al momento vigenti costituiscono un’evidente disparità rispetto alle attività di parrucchiere e barbiere. Purtroppo tale situazione incoraggia l’elusione dei divieti e il proliferare del lavoro nero. Chi paga le tasse per la propria attività lavorativa non sia indotto a sbagliare. Occorre, invece, contestualizzare ogni divieto alla concreta e reale situazione di rischio per la diffusione del Covid-19. È oltremodo ravvisabile che chi svolge la professione di estetista osservi scrupolosamente gli standard di sicurezza indicati. Nei centri viene rispettato il distanziamento, poiché una sola persona alla volta può usufruire dei servizi, occupando la cabina in modalità ‘presenza riservata’ (cliente e operatore), con distanze prestabilite e regolamentate. La sterilizzazione avviene su ogni strumento utilizzato nei servizi di manicure e pedicure. Ogni operatore indossa mascherina e visiera di protezione, oltre a camici e calzari. Per queste ragioni impedire l’apertura ai centri estetici appare incomprensibile ed immotivato. Faccio appello al Presidente della regione Nello Musumeci affinché con propria ordinanza possa consentire l’attività dei centri estetici anche in presenza delle attuali restrizioni che fanno della Sicilia area rossa”.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.

Avetrana – Qui non è Hollywood

Disney+ ha diffuso il teaser trailer e il teaser poster della nuova serie originale italiana Avetrana – Qui non è Hollywood che sarà disponibile quest’autunno sulla piattaforma...