Obesità e anoressia nervosa: una proteina potrebbe esserne la causa

Scoperta una nuova proteina alla base delle disfunzioni alimentari

Gli scienziati hanno identificato un potenziale obiettivo farmacologico per il trattamento dell’obesità e dei disturbi alimentari come l’anoressia nervosa, una condizione per la quale al momento non sono disponibili terapie.

In un nuovo studio che dovrebbe essere pubblicato su Science Translational Medicine, un team di ricercatori dell’Università del Michigan e della Vanderbilt University individua una proteina chiamata recettori della melanocortina 3 (o MC3R) come una via per accedere ai circuiti cerebrali che controllano il bilancio energetico del corpo e l’assunzione di cibo.

- Advertisement -

La ricerca, condotta su topi, offre prove preliminari che la manipolazione dell’MC3R può stimolare o sopprimere l’assunzione di cibo.

L’MC3R si trova sulla superficie dei neuroni, dove invia e riceve segnali sul bilancio energetico complessivo nel corpo. Sebbene questa proteina si trova in tutto il cervello, è particolarmente diffusa nelle regioni cerebrali che sono note per controllare l’alimentazione sia nei topi che negli esseri umani.

- Advertisement -

“Ci sono due regioni principali del cervello che ricevono tutte le informazioni periferiche sul peso corporeo e sul bilancio energetico: l’ipotalamo e il tronco encefalico”, ha detto Patrick Sweeney, neuroscienziato dell’U-M Life Sciences Institute e uno dei principali autori dello studio. “Quello che abbiamo scoperto è che l’MC3R è più fortemente espresso nell’ipotalamo, dove crediamo che svolga un ruolo dominante nella regolazione dell’intero circuito neuronale che controlla l’assunzione di cibo.”

Da questa posizione nell’ipotalamo, l’MC3R riceve segnali ormonali quando gli immagazzinamenti di energia sono troppo alti e attiva circuiti neurali che sopprimono l’assunzione di cibo; al contrario, questo recettore può anche percepire che il corpo ha bisogno di più energia e attivare percorsi per stimolare l’assunzione di cibo.

- Advertisement -

Per questo studio, i ricercatori hanno esaminato le risposte comportamentali e di alimentazione nei topi che mancavano della proteina MC3R. Hanno scoperto che i topi mostravano molti degli stessi tratti degli esseri umani con disturbi dell’anoressia. E in alcuni casi, le risposte comportamentali differivano notevolmente tra topi maschi e femmine, simili alle differenze riscontrate nell’uomo, in cui circa il 90% dei casi di anoressia nervosa viene diagnosticato nelle femmine.

Il team ha anche stabilito che manipolare l’MC3R può alterare le abitudini alimentari in entrambe le direzioni. Quando i ricercatori hanno trattato i topi con composti chimici che stimolano l’attività della proteina, i topi hanno mostrato maggiori abitudini alimentari e una ridotta ansia; e composti che hanno soppresso MC3R hanno portato all’effetto opposto: ridotto l’assunzione di cibo, ma senza alcun aumento osservato di ansia.

Se questi risultati si trasferiscono negli esseri umani, il team ritiene che l’MC3R ha il potenziale per svolgere un ruolo determinante nei trattamenti per una serie di disturbi alimentari e obesi.

“La parte più eccitante di questi risultati è il fatto che MC3R potrebbe essere un potenziale bersaglio terapeutico per disturbi alimentari come l’anoressia, così come forse per l’obesità, che aiuterebbe sicuramente la popolazione umana se potessimo fare quella transizione dai topi all’uomo”, ha detto Michelle Bedenbaugh, neuroscienziata della Vanderbilt University School of Medicine e autrice principale dello studio.

I ricercatori sottolineano che l’identificazione del bersaglio del farmaco in un organismo modello è una fase essenziale ma precoce nel lungo processo di sviluppo di terapie valide.

“Questo ci offre un nuovo modo di approcciare questo circuito e una chiara attenzione per gli sforzi di sviluppo dei farmaci”, ha detto l’autore senior dello studio Roger Cone, direttore della LSI e professore di fisiologia molecolare e integrativa presso la U-M Medical School. “Quindi è un primo passo avanti nello sviluppo di farmaci, ma critico, ovviamente.”

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.