Piombo più forte dell’acciaio grazie al laser

Alcuni scienziati hanno scoperto un modo per rendere il piombo meno malleabile

Il piombo è un materiale estremamente malleabile, così tanto che non può essere impiegato per le costruzioni. Chiunque abbia avuto a che fare con questo metallo si è accorto che è possibile anche graffiarlo con le unghie, cosa impossibile con altri metalli come, ad esempio, l’acciaio. 

Il funzionamento del laser speciale

Gli scienziati del Lawrence Livermore National Laboratory hanno, però, pensato ad un modo per rendere il piombo addirittura più forte dell’acciaio, aumentando la sua forza di 250 volte. Come hanno fatto ad ottenere questo risultato straordinario? Attraverso uno speciale laser, capace di raggiungere ben 400 gigapascal di pressione.

- Advertisement -

Tale laser, è capace di creare una pressione tanto forte in grado di modificare la struttura cristallina del metallo, rendendolo davvero molto duro. Infatti, i metalli sono fatti con cristalli intrecciati tra loro. Nei metalli più flessibili tali cristalli hanno un legame debole e sono distanti tra loro, mentre quando il legame è solido anche il metallo risulta molto duro e solido.

È possibile utilizzare il piombo per le costruzioni?

 Il problema che ci si pone, però, è l’utilizzo del piombo nelle costruzioni nonostante la modifica della sua struttura. Esso, infatti, è molto tossico. Inoltre, per trattare le quantità di piombo necessarie per realizzare le costruzioni con il laser, il costo sarebbe davvero eccessivo. 

- Advertisement -

Si può pensare a questa soluzione solo quando l’acciaio sarà esaurito. Fortunatamente, però, l’acciaio è il materiale più riciclato al mondo e le sue riserve sono sufficienti a coprire il fabbisogno attuale.

Ciò che gli scienziati hanno voluto mostrare, è la capacità di cambiare la struttura di questo metallo con l’utilizzo del laser, senza effettivamente concentrarsi sugli utilizzi che possono (o meglio, potrebbero) derivarne. 

- Advertisement -

Leggi anche: Difetto progettazione delle App con bluetooth, sono vulnerabili agli hacker