Prestiti online: trend 2016 e consigli per chiederne uno

prestiti1Richiedere dei prestiti online è una scelta che sempre più utenti fanno, vuoi per la semplicità di mettersi di fronte al computer a richiedere un finanziamento, vuoi anche per la convenienza di questi prestiti (che di solito hanno dei tassi di interesse più bassi della media).

Il trend in salita è confermato anche da Assofin, l’Associazione Italiana del Credito al Consumo, che ha detto come, nel 2016, la richiesta dei finanziamenti online sia salita addirittura del 20,3% rispetto al 2015, a conferma della ripresa che era già iniziata lo scorso anno rispetto a quello precedente.

Tra le soluzioni che i consumatori preferiscono per richiedere un finanziamento su internet, vediamo in salita i prestiti tra privati. Si tratta, in sostanza, di affidarsi a piattaforme come Prestiamoci, che si occupano di far incontrare domanda e offerta di prestiti. Con questi servizi, chi presta denaro non è una banca, bensì persone che hanno dei soldi messi da parte e vogliono farli fruttare. Il vantaggio dei prestiti tra privati? Che spesso i tassi di interesse sono più vantaggiosi e possono trovare una soluzione anche chi potrebbe avere difficoltà rivolgendosi ai canali tradizionali (immaginiamo i cattivi pagatori ed i protestati).

Loading...

Ma quali sono i consigli per trovare dei prestiti online vantaggiosi e, soprattutto, sicuri? Come suggerito anche dagli esperti di Mondo Prestiti, per prima cosa occorre rivolgersi solo ed esclusivamente a banche, società finanziarie o intermediari finanziari autorizzati ad operare in Italia. Da evitare, tutti gli altri canali.

Il secondo passo è quello di decidere con la maggior precisione possibile di quanto denaro si ha effettivamente bisogno, questo per evitare di chiedere delle somme di denaro maggiori delle reali necessità e finire per pagare più interessi del dovuto.

Il terzo passaggio è il confronto, cioè mettere a paragone le proposte ed i preventivi delle varie società finanziarie o banche al fine di trovare la più conveniente. Un piccolo consiglio: concentravi sul TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale), in quanto esso rappresenta il costo reale e complessivo del finanziamento che andrete a richiedere.

Il quarto passo è quello di essere sicuri che non ci siano costi nascosti, ovvero che l’istituto di credito non applichi spese extra o commissioni che, alla fine, potrebbero far salire il costo finale del finanziamento. Per esserne sicuri, la miglior soluzione possibile è quella di chiedere direttamente all’istituto bancario e leggere con attenzione il contratto (prima di firmarlo).

Da un punto di vista della sicurezza, invece, si consiglia sempre di sottoscrivere un’assicurazione sui prestiti, ovvero una copertura che copra in tutto o in parte il rimborso residuo del finanziamento, a seconda delle situazioni. Ad esempio, se si perde il lavoro, quest’assicurazione pagherà alcune rate al posto del debitore, se invece accadono situazioni più gravi (come il decesso, o un infortunio tale da provocare la disabilità, la copertura salderà il debito residuo.

Ultimo consiglio: anche se avete disperatamente bisogno di un prestito, non presentate mai più domande contemporaneamente, a più banche o società finanziarie, dato che finireste solo per essere rifiutati da tutti. Ricordate che ogni singola richiesta di prestito finisce in una banca dati comune alla quale ogni istituto di credito può accedere e, nei classici controlli che vengono fatti per decidere se dare o meno credito, trovare il nome del proprio futuro cliente in questo elenco non è mai una cosa positiva.

Piccoli consigli ed accortezze che possono rendere il processo di richiesta di un prestito online realmente conveniente e sicuro.