Reddito di Cittadinanza: se non aggiorni l’isee 2020 rischi la sospensione

Aggiornare l'Isee ed avere i requisiti necessari

Reddito di cittadinanza: nel 2020 se non aggiorni l’isee non lo riceverai automaticamente

Il Reddito di cittadinanza confermato anche per l’anno 2020, potrebbe essere temporaneamente sospeso se non si procede all‘aggiornamento dell’Isee. É indispensabile aggiornare l’Isee alla scadenza del periodo di validità dell’indicatore. I beneficiari che non aggiorneranno la DSU vedranno sospendersi il Reddito di cittadinanza. Nel 2020 non sará più automatico percepire il RdC.

Le precedenti attestazioni Isee del mese di Gennaio 2019 ed agosto 2019 sono in scadenza e non saranno più valide dopo il 31 Dicembre 2019. É obbligatorio procedere ad una nuova presentazione dopo il primo gennaio 2020, e si avrà tempo fino al 31 gennaio.

Aggiornare l’Isee ed avere i requisiti necessari

Se i beneficiari avranno i requisiti necessari a ricevere il sostegno economico, potranno dimostrarlo attraverso l’attestazione Isee, senza dover procedere a nessuna nuova domanda. Se non si procede all’aggiornamento, il RdC sarà sospeso.

Reddito di cittadinanza: DSU precompilata

Dal 1° gennaio 2020 sarà obbligatoria la DSU precompilata dall’INPS. Per coloro che nel triennio 2016-2018 hanno presentato almeno una Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini Isee potranno Introdotta dal decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017 e resa obbligatoria a partire dal 1° settembre 2018, poi rinviata al 1° settembre 2019 e ad oggi, per effetto del testo del Decreto del Ministero del Lavoro del 9 agosto 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, parte ufficialmente dal 1° gennaio 2020.

gennaio 2020, esordirà la DSU precompilata dall’Inps (Introdotta dal decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017) per tutte le famiglie che nel triennio 2016-2018 hanno presentato almeno una Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini Isee. Ciò renderà più semplice la richiesta per tutti coloro che dovranno aggiornare l’ISEE per ottenere l’erogazione dei sussidi.

Ovviamente ciò vale anche per i fruitori del Reddito di cittadinanza. L’agevolazione non é di poco conto perché nei 18mesi non sarà più necessario presentare una nuova domanda che dovrà essere ripresentata solo allo scadere del periodo suindicato.