Rosalinda Cannavò furiosa contro gli haters indegni: “Mi fate ridere …”

Rosalinda Cannavò furiosa contro gli haters indegni: "Mi fate ridere con il vostro pseudo bullismo." Queste le parole dell'attrice

Tra i vip bersagliati dagli haters Rosalinda Cannavò ha sempre cercato di gestire la situazione in modo pacato e intelligente. È consapevole che dare spazio e visibilità ad alcuni commenti offensivi è inopportuno, ma a suo avviso ci sono dei limiti che non vanno superati.

Spesso l’ex gieffina, che è molto attiva sui social, pubblica gli screenshot dell’offese che riceve ed evita di rispondere, ma nei giorni scorsi non è riuscita a trattenersi e ha pubblicato una storia dove risponde per le rime a persone che considera decisamente indegne di attenzione. Reduce dall’esperienza positiva di Tale e quale show, Rosalinda sta vivendo un momento felice dal punto di vista professionale. È anche molto attiva sui social dove lavora come testimonial realizzando sponsorizzazioni varie.

- Advertisement -

Gli haters l’hanno offesa per il suo peso, ma anche per la sua fronte stempiata, l’hanno invitata a prendersi una laurea e così via. Per queste ragioni Rosalinda ha risposto invitando gli odiatori a farsi una vita loro: “CREDO CHE CON QUESTO IO POSSA PER OGGI CONCLUDERE QUI! Ho riso molto quindi grazie davvero, ma prima voglio dire una cosa:
a chi scrive certe cose. Secondo me (mio modestissimo parere) non avrete molto dalla vita proprio perché continuate a voler vivere quella degli altri.
Per fortuna, e grazie a tanto impegno, sono una ragazza che si sta togliendo molte soddisfazioni. Adesso lo do io un CONSIGLIO A VOI: fate lo stesso, vivete la
vostra vita”.

Rosalinda Cannavò: “È sminuente che…”

Oggi legata a Andrea Zenga, che ha conosciuto nella casa del GFVIP, Rosalinda non ha nascosto il suo passato difficile. Grazie all’aiuto di Gabriele Parpiglia ha scritto un libro, Riflessi, dove si racconta.

- Advertisement -

Il testo ha subito immediatamente una serie di offese a cui l’ex gieffina ha voluto rispondere: “È sminuente che il mio libro, il cui tema principale sono i DCA sia ridotto alla parentesi dedicata al mio ragazzo. Oppure criticato perché Gabriele Parpiglia mi ha creduto e ascoltato la mia storia, aiutandomi a realizzare questo progetto.”