I suggerimenti per scegliere le felpe personalizzate

guida alla scelta

Quali tipologie di felpe scegliere per proporre gadget personalizzati a clienti e dipendenti? Le soluzioni a disposizione sono molteplici: si possono citare, per esempio, i modelli con la zip, quelli con il cappuccio e quelli girocollo. In tutti i casi, sono due le tecniche più utilizzate per la personalizzazione, ugualmente efficaci anche se foriere di risultati differenti: una è la stampa digitale diretta, mentre l’altra è la serigrafia. Ma per scegliere la felpa più adatta è necessario conoscere le caratteristiche dei vari tessuti a disposizione: cerchiamo di scoprirne di più nelle righe che seguono.

Guida alla scelta

Essere consapevoli delle peculiarità delle diverse tipologie di felpe permette di capire qual è quella che più si adatta alle necessità che ci si propone di soddisfare. La felpa non garzata, per esempio, rappresenta il tessuto felpa prodotto senza subire il trattamento di garzatura: si tratta di una tipologia che si lascia preferire per i modelli più leggeri, e che tende ad apparire leggermente rigida. Al contrario, la felpa garzata è quella che è tipicamente dotata di pelo morbido al proprio interno: pelo la cui lunghezza è variabile a seconda delle circostanze. Tale tipologia di finitura fa in modo che la felpa risulti più confortevole e più capace di trattenere il calore. La garzatura viene ottenuta per mezzo di un macchinario che spazzola il tessuto in corrispondenza della parte più esterna, così da rompere i suoi filamenti.

- Advertisement -

La grammatura

Nella scelta delle felpe logo personalizzato, dunque, è utile sapere che cosa cambia tra una felpa non garzata e una felpa garzata, ma ciò non è sufficiente; ci sono anche altri dettagli, infatti, a partire dai quali è opportuno orientare le proprie decisioni. La grammatura, per esempio, è uno degli aspetti che contribuiscono a definire il livello di comfort e di calore che può essere offerto da una felpa. Insieme con la finitura della garzatura, insomma, anche la grammatura può avere conseguenza rilevanti sulla comodità di questo tipo di capo di abbigliamento. Ma in che cosa consiste di preciso la grammatura? Molto semplicemente essa corrisponde all’elemento grazie a cui si può identificare la pesantezza di un indumento. Sì, perché – anche se non tutti lo sanno – le felpe non hanno tutte lo stesso peso. Le felpe primaverili o estivi, in particolare, si caratterizzano per una grammatura inferiore ai 240 grammi per metro quadro; le felpe di medio pesco hanno una grammatura compresa tra i 240 e i 280 grammi per metro quadro; le felpe invernali oscillano tra i 280 e i 320 grammi per metro quadro; e infine ci sono le felpe più pesanti, che superano i 320 grammi per metro quadro.

Le felpe e i materiali di composizione

In molti, in previsione di un acquisto, puntano alle felpe 100% cotone. Tuttavia, a differenza di quel che si potrebbe essere indotti a pensare, non è detto che la dicitura 100% cotone sia per forza garanzia di alta qualità in un indumento. I misti formati da cotone e poliestere, per esempio, da lungo tempo sono usati per molti prodotti felpati dal momento che vengono ritenuti superiori dal punto di vista tecnico, sia per la capacità di resistere all’usura che per quella di trattenere il calore. Quel che è certo è che le felpe personalizzate non sono tutte uguali, e per sapere come trovare la migliore è necessario avere ben chiare in mente le esigenze che ci si propone di soddisfare con un acquisto di questo tipo.

Lorita Russo
Lorita Russo
Social media specialist, Seo Specialist, specializzata in tecnologia, scienza e cucina. Sono un influencer e reviewer, amante della lettura umanistica e dei problemi sociali. Ho un sito di cucina Facili idee e il gruppo Facebook che conta ben 150 mila follower