Saldo e stralcio: online il modulo di richiesta

Basta collegarsi al sito dell'Agenzia delle entrate per iniziare la procedura

soldi nelle buste

L’ Agenzia delle entrate-Riscossione ha messo a disposizione degli utenti il modulo per la domanda di adesione al Saldo e stralcio. Basta andare sul sito dell’ente!

Cos’è il saldo e stralcio?

La legge di bilancio n.145/2018 ha introdotto solo per le persone fisiche, in situazione di difficoltà di poter regolare i propri conti con il fisco. Il cosiddetto “Saldo e stralcio” è una riduzione delle somme dovute e per alcune tipologie di debiti che vanno dal 2000 al 2017. In particolare, le persone che hanno un ISEE inferiore a 20.000 euro possono estinguere i loro debiti in forma agevolata. L’agevolazione è una vera e propria riduzione così riassumibile:

  • 16% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE fino a 8.500 euro;
  • 20% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE da 8.500,01 a 12.500 euro;
  • 35% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE da 12.500,01 a 20.000 euro.

Come ben chiaro si stratta di riferiti a carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. A tali somme vanno aggiunte le spese relative a procedure esecutive diritti di notifica.

Quali sono i debiti estinguibili?

Come detto possono aderire al “saldo e stralcio” solo alcune classi di debito e sono:

  • di imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività previste dall’articolo 36-bis del D.P.R. 600/1973 e dall’articolo 54-bis del D.P.R. 633/1972, a titolo di tributi e relativi interessi e sanzioni, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento;
  • dei contributi dovuti dagli iscritti alle casse previdenziali professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento.

Come funziona il procedimento?

La domanda di adesione al “saldo e stralcio” deve essere presentata entro il 30 aprile 2019.

  • tramite pec alla direzione regionale dell’agenzia delle entrate, unitamente al modello SA-ST online e l’attestazione della situazione di grave e comprovata difficoltà;
  • tramite sportello consegnando il modulo

I dati saranno comunque verificati dall’Agenzia delle entrate e dall’INPS. Entro il 31 ottobre 2019 l’Agenzia delle entrate manderà al contribuente una comunicazione contenente l’esito del procedimento. Il contribuente riceverà anche i bollettini di pagamento con le relative rate, importi e date di scadenza. Il debito sarà estinto in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2019, oppure in 5 rate. 

In assenza dei requisiti, la domanda di adesione verrà comunque considerata in modo automatico per l’accesso alla rottamazione.

Francesca Cavaleri
Laureata in economia aziendale con specializzazione in direzione aziendale, nella vita sono una giovane imprenditrice nel settore immobiliare e nella gestione condominiale
Potrebbero interessarti anche