Scadenze e novità 2018 riguardanti le imposte sulla casa nel comune di forlì

Il pagamento della prima rata delle imposte sulla casa è alle porte, ma per corrispondere il dovuto in modo corretto e nei tempi previsti occorre conoscere tutte le novità riguardanti IMU, TASI e TARI 2018: vediamole insieme.

Anche per gli abitanti di Forlì si stanno avvicinando le scadenze per il pagamento delle prime rate per le imposte comunali IMU (Imposta Municipale Unica) e TASI (Tributo per i Servizi Indivisibili) mentre, come ormai accade

da anni, le scadenze per il versamento della TARI (Tassa sui Rifiuti) dipendono dalle date in cui vi vengono recapitati, direttamente al vostro domicilio, i bollettini precompilati, che contengono anche le quote da pagare.

Loading...

Vediamo dunque quali sono le novità riguardanti queste tre imposte, che interessano tutti i proprietari di immobili, compresi quelli che affittano le loro proprietà sul territorio comunale di Forlì.

IMU 2018

L’Imposta Municipale Unica, come ormai da anni, è dovuta unicamente, per quanto riguarda gli immobili residenziali, dai titolari del diritto di proprietà di:

  • Unità immobiliari non adibite ad abitazioni principali;
  • Unità immobiliari, anche adibite ad abitazione principale, se accatastate nelle categorie di lusso, quindi A/1, A/8 e A/9, e relative pertinenze;
  • Unità immobiliari equiparate all’abitazione principale per legge o regolamento, accatastate in categoria catastale A/1, A/8 e A/9, e relative pertinenze.

Le aliquote per l’anno 2018 sono state approvate e confermate quelle dell’anno scorso con deliberazione de Consiglio Comunale, le uniche novità riguardano:

  • L’aliquota agevolata pari allo 0,96% per locazioni a canone concordato sulla base dell’Accordo Territoriale 27 dicembre 2017 a titolo di abitazione principale;
  • L’aliquota agevolata pari allo 0,76% per interventi edilizi di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione in Centro Storico.

Il versamento della prima rata, ovvero dell’acconto pari all’importo dovuto per il primo semestre, deve avvenire entro il 18 giugno 2018. Il saldo finale, a conguaglio dell’importo dovuto per l’intera annualità d’imposta, entro il 17 dicembre di quest’anno. È possibile, infine, effettuare il versamento in unica soluzione entro la data prevista per il versamento dell’acconto, mediante il modello F24, ovvero entro il 18 giugno.

TASI 2018

Anche il Tributo per i Servizi Indivisibili è dovuto unicamente dai proprietari e dai titolari di un diritto reale di immobili residenziali:

  • Non adibiti ad abitazione principale;
  • Adibiti ad abitazione principale, se accatastati in categoria A/1, A/8 e A/9 (abitazioni di lusso) e relative pertinenze;
  • Le abitazioni assimilate all’abitazione principale per legge o regolamento (cioè unità abitative sottoposte per legge o regolamento allo stesso trattamento fiscale dell’abitazione principale), se accatastate in categoria A/1, A/8 e A/9 (abitazioni di lusso), e relative pertinenze.

Per quanto riguarda le aliquote TASI per il 2018, non vi è stata alcuna modifica e vengono dunque confermate in toto quelle dell’anno scorso, comprese detrazioni e sconti. Come per l’IMU, il versamento dell’acconto, ovvero della prima rata, è da effettuare entro il 18 giugno 2018, mentre il saldo, a conguaglio dell’importo dovuto per l’intera annualità d’imposta, entro il 17 dicembre di quest’anno. Anche per questa imposta è possibile effettuare il versamento in un’unica soluzione, entro il 18 giugno 2018.

TARI 2018

La TAssa sui RIfiuti, dovuta da tutti i contribuenti residenti nel comune di Forlì, presenta, a differenza delle due precedenti, tariffe in calo per le utenze, come spiegato dal Sindaco di Forlì Davide Drei, dall’Assessore all’Ambiente William Sanzani e dall’Amministratore Unico Paolo Contò: “Un risultato concreto grazie alla scelte operate per la gestione dei rifiuti. La Tari 2018 nel nostro comune, rispetto all’anno precedente, è diminuita mediamente dell’1,7% per le utenze domestiche e dell’1,5% per le utenze non domestiche. Un risultato concreto conseguito a seguito delle scelte operate dall’Amministrazione, a partire dalla costituzione della società in-house Alea Ambiente, che ha operato per una diminuzione del Piano Economico-Finanziario, applicato fortemente da tutti i 13 comuni forlivesi”.

Quest’anno, il comune di Forlì ha delegato ad Alea Ambiente SpA l’onere di far recapitare, direttamente al domicilio di ogni contribuente, la bolletta recante il dovuto da corrispondere. In questi giorni i primi invii sono stati effettuati, ma per tutti la scadenza per il pagamento è prevista per il 31 maggio 2018. Da quest’anno, inoltre, il pagamento dell’imposta dovrà avvenire direttamente attraverso il modello di versamento unico F24 precompilato, che i cittadini forlivesi troveranno allegato alla bolletta.