Scherzo di cattivo gusto a Paolo Brosio : oggetto di derisione e fede calpestata

Paolo-Brosio-Scherzi-a-Parte

In onda su canale 5 la settimana scorsa, davanti a milioni di telespettatori, è stato trasmesso in tv il programma “Scherzi a Parte” condotto quest’anno da Paolo Bonolis. Gli scherzi effettuati all’inizio della prima puntata sono stati leggeri e hanno portato risate e allegria tranne quello di Paolo Brosio poiché è risultato agli occhi del pubblico sgradevole e di cattivo gusto.

Il giornalista Brosio si è convertito nella fede cristiana da qualche anno e la professa ogni giorno con devozione, carità e beneficenza, sempre pronto ad aiutare i più bisognosi. Molto spesso si reca in preghiera a Medjugorje dove ha trovato la pace in se stesso e la fede più profonda.

Loading...

Ebbene la sua fede, nello scherzo del programma, è stata calpestata, derisa, ha ferito Brosio in una maniera esorbitante. Egli ammira moltissimo papa Francesco e desidera nella sua vita incontrarlo o parlargli di persona per raccontargli la sua conversione, la sua fede pura e accanita, le opere di bene che sta costruendo nel suo cammino.

Lo scherzo è partito con le riprese di una finta intervista da parte di un giornalista americano dove lo sottoponeva a domande inerenti le sue credenze religiose e il suo percorso di conversione; dopo pochi istanti paolo riceve una chiamata dal papa e da quel momento lo scherzo ha assunto caratteri di pesantezza e derisione.

Durante la conversazione con il papa (recitato da un attore del programma), Brosio era entusiasta e scioccato al solo pensiero di parlare con esso ma quando egli riconobbe che forse era stata solo una farsa, tutto lo scherzo prese una piega diversa.

Quando gli attori hanno rilevato che realmente non aveva parlato telefonicamente con il papa ma con un loro attore, Paolo rimase con un viso deluso e con il cuore spezzato. Decise di cacciare l’equipe di attori da casa propria con massimo rispetto ma con le lacrime agli occhi.

La televisione molto spesso ha lo scopo di portare un personaggio alla luce, con i suoi pregi e difetti ma anche trovando dei pretesti per deridere la sua persona o le sue azioni. Il caso di Brosio è uno dei tanti casi che avvengono nel mondo dello spettacolo, le credenze e i valori di una persona non vengono compresi o vengono capiti ma non si tende a dargli valore. La tv tende a far divertire il pubblico ma a volte per farlo divertire esagera calpestando i valori di un individuo.

Esistono molte modalità di scherzo ma quello della fede non va toccato perché si tratta di una credenza intima che non va derisa da alcuno.

“L’ignoranza” persiste anche nel mondo della televisione; a volte si è intelligenti ma si cerca di trovare qualcosa che “faccia divertire” il pubblico prendendo in giro i personaggi dello spettacolo da un estremo all’altro.

Cosa ne pensate? Lo scherzo che hanno compiuto nei confronti di Brosio vi ha colpiti? Ha ferito coloro che credono nella fede cristiana?