Sciopero nazionale venerdì 29 novembre in tutta Italia, ecco le fasce garantite

Coinvolti i trasporti pubblici nazionali e locali da Nord a Sud

Sarà un venerdì nero quello di domani 29 novembre 2019 nelle città italiane per lo sciopero generale in tutta Italia. La protesta partirà già da stasera giovedì 28 novembre e continuerà nelle prossime ore nei maggiori centri della penisola da Nord a Sud. La mobilitazione è stata indetta dal Sindacato USB (Unione Sindacale di Base).

Blocco dei tram, bus e metropolitane

Una giornata di disagi per molte persone a cui si aggiungono anche il quarto FridayForFuture degli studenti e la manifestazione di docenti e personale ATA che paralizzeranno le scuole. Gli orari dello sciopero variano da settore a settore, ovviamente si avranno delle fasce garantite. Si comincia stasera con lo stop ai bus, tram e metro.

- Advertisement -

La Confederazione Unitaria di Base Trasporti (Cub Trasporti) ha proclamato uno sciopero di 24 ore dei lavoratori del Gruppo Atm a Milano “contro la liberalizzazione e la privatizzazione del trasporto pubblico locale milanese e dell’hinterland, contro le gare di appalto dei servizi gestiti da Atm e per l’affidamento diretto in house dei servizi di tpl, contro la quotazione in borsa e la vendita delle azioni del Gruppo Atm“. Poi segue la protesta dei sindacati. Lo sciopero ferroviario durerà dalla mezzanotte di venerdì fino alle 21.

Fasce orarie garantite

Mentre Trenord che gestisce il trasporto in Lombardia ha fatto sapere che rispetterà le seguenti fasce orarie che vanno dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21, durante le quali viaggeranno i treni garantiti in caso di sciopero. Anche Trenitalia ha detto che rispetterà le stesse fasce orarie di garanzia. Freccia rossa e altri treni a lunga percorrenza non subiranno variazioni.

- Advertisement -

Per quanto riguarda il trasporto locale lo sciopero avverrà con orari diversi. A Roma e a Milano si sono verificati disagi già oggi, mentre domani le situazioni più difficili dovrebbero registrarsi a Reggio-Emilia, Modena, Bologna, Trieste e Napoli. Tra le regioni più colpite c’è infatti la Campania. Non è coinvolto nella protesta il trasporto aereo, che resta regolare.

- Advertisement -

Ambra Leanza
Ambra Leanza
Articolista freelance, appassionata di viaggi, lettura e scrittura