Sclerosi multipla, via libera al farmaco orale siponimod

Un nuovo farmaco sarà distribuito per contrastare i sintomi della sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia del sistema nervoso centrale, che provoca un’interruzione tra i comandi impartiti dal cervello e le parti del corpo. Per tutti i pazienti affetti da tale patologia, è arrivata una buona notizia. Infatti è stato dato il via libera preliminare all’utilizzo del farmaco Siponimod, per i pazienti adulti con sclerosi multipla secondaria progressiva in fase attiva, conosciuta con l’acronimo SMSP.

Bisogna sottolineare che la sclerosi multipla è diversa per tutti i pazienti ed è influenzata da molteplici fattori. Purtroppo, i farmaci in grado di ritardare progressivamente la malattia e prevenire l’invalidità sono ben pochi attualmente in commercio. 

Siponimod invece è in grado di ritardare la progressione della malattia e si stima, infatti, che ben l’80% dei pazienti passerà dalla forma recidivante remittente della sclerosi alla SMSP attraverso l’utilizzo costante, una volta al giorno. Questo medicinale rivoluzionario sarà somministrabile per via orale, ed il marchio che si occuperà della diffusione su tutto il territorio nazionale è Mayzent.

Come funziona il farmaco Siponimod?

Si tratta di un modulatore selettivo dei sottotipi uno e cinque del recettore della sfingosina-1-fosfato (S1P1 e S1P5). In poche parole, Siponimod può modulare l’attività delle cellule dannose in modo da contrastare la perdita delle funzionalità neurologiche.

L’efficacia del medicinale è stata testata su ben 1.651 pazienti ed è stato confrontato con un placebo, mostrando dei risultati davvero interessanti, specialmente per quanto concerne l’incidenza sugli aspetti invalidanti della malattia, come le attività cognitive ed il volume celebrale.

Negli stati uniti,  Siponimod verrà fornito con una guida importantissima contenente tutte le indicazioni di utilizzo ed i rischi. Infatti, tale farmaco può aumentare il rischio di infezioni ed i pazienti prima dell’assunzione devono necessariamente sottoporsi ad emocromo completo. Inoltre potrebbero verificarsi problematiche alla vista.

Leggi anche: Sclerosi multipla scoperta nuova molecola che se bloccata riduce i sintomi

Iweblab