Selfie di gruppo a distanza: il brevetto Apple

Selfie di gruppo a distanza. Apple stupisce ancora. Il brevetto, concesso il 2 giugno 2020, si adatta perfettamente all'emergenza che stiamo vivendo.

selfie di gruppo a distanza
Photo Credits: Pixabay

Apple non poteva essere più tempestiva di così: in questo periodo di restrizioni e distanziamento sociale, a causa dell’emergenza epidemiologica di Covid-19, il colosso di Cupertino, ha ottenuto la concessione di un brevetto per lo sviluppo di selfie di gruppo a distanza. Il brevetto, depositato a luglio 2018 presso l’USPTO (United States Patent and Trademark Office), è stato concesso solo il 2 giugno 2020. L’idea perciò, casca a pennello in questo momento storico, in cui viene a mancare il bisogno sociale di “stare insieme”.

Il concept: “Synthetic group selfie”

Nessun bisogno di stare insieme fisicamente: è questo l’obiettivo del progetto, ossia il “synthetic group selfie”: i possessori di iPhone o iPad, potranno invitare i propri contatti ad una sessione di selfie, video o anche un’immagine in live streaming. Il processo sembra quello utilizzato solitamente per l’invito ad una videochiamata. Ogni utente potrà quindi inviare i singoli selfie, e il software li elaborerà in automatico. Tutti gli utenti verranno posizionati uno accanto all’altro, con possibilità di cambiarne la posizione all’interno della foto, eliminando lo sfondo. Non solo: tutte le singole immagini saranno conservate, permettendo all’utente di mantenere gli originali, ed eventualmente, grazie all’opzione “anteprima”, di apportare ulteriori modifiche.

Quando sarà disponibile?

Non si sa ancora se questa idea troverà uno sviluppo concreto e un rilascio sul mercato, soprattutto in tempi brevi. Certo è che, anche ora, nel bel mezzo di una pandemia globale, i selfie sono un modo creativo per restare in contatto con gli altri; e il progetto di Apple, potrebbe trovare una realizzazione utile soprattutto per evitare assembramenti con l’utilizzo di un solo dispositivo, a favore del distanziamento sociale.