Sfida dei supercomputer: occorre formare i giovani

L'Italia è il sesto Paese al mondo per potenza di calcolo ma non basta. Servono giovani con una formazione Stem adeguata.

L’Intelligenza Artificiale è il futuro del mondo. Si prevede che tra pochi anni la robotica e l’AI saranno in ogni ambito lavorativo e all’interno delle operazioni aziendali e che nasceranno servizi e prodotti basati proprio sull’Intelligenza Artificiale. L’Italia sta già spingendo in questa direzione e ha già creato una rete potente di supercomputer. Nel mondo siamo in sesta posizione per potenza di calcolo ma all’evento di apertura della RomeCup 2024 è stato reso noto come sia necessaria la presenza di più giovani con una formazione nel campo delle discipline Stem, Scienza, Tecnologia, Ingegneria e matematica.

Si punta alla formazione dei giovani nelle discipline Stem

Il Presidente del Consiglio per l’Innovazione Alessio Butti ha comunicato la presentazione di un Disegno di Legge sull’Intelligenza Artificiale entro Pasqua. Una necessità per disciplinare un settore in forte espansione che racchiude numerosi pericoli. La normativa servirà per definire l’uso dell’IA mentre si accelera per recuperare il ritardo accumulato proprio nell’Intelligenza Artificiale.

- Advertisement -

L’Italia ci ha messo decenni ma è riuscita a realizzare un’importante infrastruttura di supercalcolo – afferma la Direttrice generale del Cineca Alessandra Poggiani – e ora si prepara a presentare Lisa a giugno 2024 ossia un ampliamento del supercomputer Leonardo. A fine anno, poi, si punta all’accensione del primo computer quantistico italiano.

Per continuare su questa strada occorre formare adeguatamente i giovani e aumentare di cinque volte il numero di laureati e tecnici delle discipline Stem. Chi controlla la macchina deve avere cervello perché ha tra le mani un apparecchio potenzialmente pericoloso. “Il problema non è quanto sia pericolosa la macchina ma la stupidità umana di chi la controlla” ha detto Roberto Cingolani, Amministratore delegato e Direttore Generale di Leonardo spa.

Valentina Trogu
Valentina Trogu
Web content writer, scrittrice e mediatrice familiare. Laureata in sociologia-analisi delle politiche sociali. Mi occupo della stesura di articoli toccando varie tematiche tra cui economia, salute, tecnologia. In questo modo posso coltivare la mia passione per la scrittura e cercare di rendere fruibili le informazioni ad un maggior numero di persone.