SIM Swap Scam: Ecco come viene clonata la scheda telefonica

In tutto il mondo, è arrivata una nuova truffa ai danni gli utenti che non solo si ritrovano la scheda SIM clonata, ma anche il conto corrente svuotato

È arrivata una nuova, pericolosa truffa messa in atto da degli hacker professionisti. Si tratta della SIM Swap Scam e, consiste nella clonazione della scheda telefonica.

L’obiettivo, è quello di riuscire a svuotare il conto corrente bancario della vittima. E, per riuscirci i malintenzionati hanno messo in pratica un sistema tanto macchinoso quanto efficace.

SIM Swap Scam: Come viene clonata la scheda telefonica

Da quanto si è potuto apprendere, questa nuova truffa colpisce i possessori di una scheda SIM dati dei gestori telefonici:

  • Fastweb
  • Iliad
  • Vodafone
  • TIM
  • Wind 3

A cui i malfattori, sottrarranno i dati personali reperendoli attraverso il web o i Social Network che, verranno poi utilizzati in modo inappropriato per riuscire a clonare la scheda telefonica.

Ma come viene messo in atto questo tentativo di truffa? Nel modo più semplice, ovvero gli hacker chiameranno i Call Center degli operatori telefonici e spacciandosi per il cliente, grazie:

  • Ai dati sottratti
  • E dei documenti falsi

Denunceranno il furto della scheda SIM, chiedendo di averne in sostituzione una nuova. Dopodiché, i malintenzionati chiameranno la banca per entrare in possesso delle credenziali di accesso. Ovvero, richiederanno il numero di database bancario per poi svuotare il conto corrente.

Cosa possono fare gli utenti per difendersi?

Purtroppo, in questa truffa la vittima ha un ruolo passivo. Ovvero, quando si ci accorge di quello che sta succedendo vuol dire che la scheda SIM dati è già stata clonata.

Quindi, riuscire a difendersi efficacemente diventa molto difficile. L’unica cosa da fare, è quella di non divulgare mai i propri dati personali (tra cui quelli bancari) sul web.

Un altro consiglio, è anche quello di non inserire mai troppe informazioni suoi Social Network e, un altro aspetto da non trascurare sono le fonte da cui si scaricano le App. Cercando, quando è possibile, di effettuare i download dagli Store Ufficiali di iOs e Google.

Leggi anche — Truffe telefoniche, i numeri a cui non devi mai rispondere


Quotidianpost.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbero interessarti anche