Svizzera: nella lista dei maxi-evasori ci sono anche 7mila italiani

HSBCScottBarbourGetty460

Dall’inchiesta “Swissleaks”, ovvero la lista dei maxi-evasori, anticipata dal quotidiano francese “Le Monde”, ci sarebbero nomi illustri del mondo dello spettacolo, della politica, dello sport, dell’imprenditoria trafficanti d’armi e di stupefacenti, finanziatori di organizzazioni terroristiche e, oltre i 7 mila connazionali italiani. Tutti vogliosi di occultare al fisco i loro averi.
L’indagine ha avuto luogo da un vasto sistema di evasione fiscale favorito, o meglio ancora, incoraggiato, dalla banca britannica HSBC, secondo gruppo bancario mondiale, e dalla sua filiale svizzera HSBC Private Bank.
Le indagini sono partite da Parigi e Washington, per poi toccare Bruxelles e Ginevra. Il denaro veniva nascosto al riparo di strutture offshore con base nelle Isole Vergini Britanniche e Panama.
Fra il 9 novembre 2006 e il 31 marzo 2007, almeno 180,6 miliardi di euro, di oltre 100mila clienti e di 20mila società offshore, sarebbero transitati a Ginevra sui conti HSBC e, oltre 5,7 miliardi di euro, sarebbero stati occultati da HSBC in paradisi fiscali per conto di clienti francesi.
Nessuno immaginava che tra gli evasori fiscale ci potessero nomi illustri, come: il re del Marocco, Mohamed VI, l’attore americano John Malkovich, lo stilista italiano Valentino Garavani, il pilota di Formula Uno Fernando Alonso, il pluri campione del mondo di motociclismo Valentino Rossi e l’imprenditore italiano Flavio Briatore, famoso nel mondo del gossip per il suo comportamento ostile con i giornalisti.
Nella “Lista Falciani”, eseguita dalla guardia di finanza italiana, è stato reso noto che, 741.755.879 di euro e 4,5 mln di Iva, risulterebbero non dichiarati, con un capitale rimpatriato pari a 1.669.075.253 euro.

 

Loading...