Telegram, cos’è? E come funziona?

Cos'è e come funziona l'app Telegram

Oltre alla famosa app Whatsapp molti utenti stanno riscoprendo Telegram. Ma cos’è? E’ una app di messaggistica istantanea ma che a differenza di Whatsapp è molto più fluida e scorrevole. Gli utenti che hanno scaricato l’App e la utilizzano sono oltre 9 milioni.

Telegram: Come funziona?

L’App è scaricabile tramite Google play o App store. L’iscrizione a Telegram è un procedimento semplice che si basa sulla registrazione del numero di telefono, alla prima apertura basta seguire le indicazioni per registrare il proprio numero di telefono e attivarlo tramite un codice di verifica tramite SMS.

La chat di telegram è simile a quella dell’app concorrente. Telegram negli anni ha aggiunto funzionalità più avanzate. Dalle ultime versioni, ad esempio, è possibile organizzare le chat in cartelle, per mantenere le conversazioni in ordine. Gli sticker, poi, su Telegram sono molto più avanzati (e sono da sempre uno degli elementi distintivi dell’applicazione), mentre i gruppi offrono funzioni di gestione molto più avanzate e possono arrivare fino a 200.000 iscritti.

Telegram: immediato e veloce

Telegram è interamente basata sul cloud. Significa che il trasferimento da un dispositivo all’altro è immediato. Basta una veloce verifica e tutte le chat, i messaggi, i video, i file compaiono automaticamente sul nuovo smartphone, tablet o computer.
Il vantaggio non è soltanto la facilità di backup delle proprie conversazioni, ma anche e soprattutto la possibilità di utilizzare Telegram senza soluzione di continuità su tutti i propri dispositivi. 

Tra le varie funzionalità Telegram ha anche i canali, cioè gruppi “broadcast” oltre a i gruppi tradizionali in cui soltanto il proprietario può scrivere per diffondere aggiornamenti o notizie agli iscritti con modalità uno a molti. Tra le funzionalità di comunicazione accessorie ci sono poi le chiamate VoIP, ma non le videochiamate, che sull’app non sono ancora state implementate.
Molto utile infine per chi manda parecchi messaggi vocali la possibilità di riprodurli a velocità 2x, in modo da dimezzare i tempi di ascolto delle elucubrazioni di amici particolarmente prolissi. Completano il quadro uno strumento di modifica delle foto che offre funzionalità di ritocco delle foto avanzate e i bot avanzati che gli sviluppatori possono creare con un sistema di API gratuito. 

Telegram: Crittografia e privacy

Una funzione molto interessante riguarda anche la crittografia e la privacy. Fin dalla creazione dell’app, nel 2013, Telegram ha offerto ai suoi utenti la possibilità di comunicare al sicuro dagli occhi indiscreti di governi e agenzie di sicurezza, grazie alla crittografia end-to-end. La protezione delle conversazioni e dei dati è nel DNA dell’applicazione per motivi politici: i suoi fondatori sono i fratelli Pavel e Nikolai Durov, che devono successo e ricchezza alla creazione di VKontakte, il social network più diffuso in Russia.